FIOM, No TAV e brutto giornalismo

Perché è stata una piazza piena di contenuti, che parlava di lavoro, di democrazia e di reddito, una piazza che non ha avuto tempo di scassare vetrine perché troppo impegnata nel rifondare la politica. Perché le “cariche” di cui parla Repubblica, nulla c’entrano con la Fiom e con il corteo, e interessano, semmai, il Movimento di lotta per la casa e via della mercede, ben lontani dal percorso della manifestazione. Perché, in sostanza, quella foto mistifica la realtà. E fa comodo solo a chi su quella piazza ha detto di tutto e di più pur di trovare il pretesto per non aderire. Non ci sono stati violenti NoTav, non ci sono stati pericolosi metalmeccanici lanciatori di bulloni, né studenti sovversivi e nullafacenti. C’erano i metalmeccanici, c’erano i NoTav, c’erano gli studenti. Ma di sovversivo, pericoloso e violento c’erano solo le loro proposte. Piano di investimenti, rappresentanza sindacale e reddito di cittadinanza. Ha ragione Luca Sappino: la foto scelta da Repubblica e la home page del Corriere della Sera sul corteo di oggi della FIOM è un brutto esempio di giornalismo che con le immagini si diverte a toccare i fili della pancia. Con quei meccanismi sottili che il TG4 o il TG1 hanno usato per deformare un ventennio. Sulla vicenda TAV ormai è un giochetto che dura da mesi ma la similitudine ‘FIOM-NO TAV-violenza’ si sperava fosse solo una sfortunata uscita di Bersani e foraggio per la spazzatura di certa stampa filoberlusconiana.

Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore. (Indro Montanelli)

3 Commenti

  1. Voglio offrire anch'io la mia riflessione sulla questione TAV: Una storia già vista

    Quest'opera si deve fare.
    Perché? Perché di si! Perché si è deciso così venti anni fa.
    Ogni volta che sono state avanzate delle critiche, si è risposto che l'opera si deve fare per il progresso, per i giovani, per il lavoro, per restare collegati al resto dell'Europa.
    Tutte affermazioni non dimostrate e quasi sempre smentite dalla realtà dei fatti.
    Hanno parlato gli esperti… e chi sono i valligiani e i giovani che li sostengono, per mettere in dubbio la parola degli esperti?
    Il mondo è cambiato completamente; le previsioni si sono rivelate completamente sbagliate.
    Non importa: l'opera si deve fare perché si deve fare. Punto. Chi non è d'accordo forse è un simpatizzante o un fiancheggiatore dei terroristi.
    È una storia già vista.
    2400 anni fa Sofocle racconta la storia di Antigone. Poche battute:
    “… tu vuoi l’impossibile”, dice Ismene alla coraggiosa Antigone determinata a seppellire con pietà il fratello morto.
    “Tu sei il re… se tu ritieni opportuno agire così, tu hai il potere di emanare qualunque legge che riguardi i vivi o i morti… “, dice il coro degli anziani al sacrilego Creonte, invece di invitarlo ad agire con saggezza.
    “È veramente terribile quando il giudizio del giudice è un pregiudizio”, commenta silenziosamente la povera guardia il cui unica possibilità è quella di obbedire.
    “Non c'è male peggiore dell'anarchia. È l’anarchia che manda in rovina le città. Bisogna ubbidire a quello che le autorità comandano e non… lasciarsi guidare da una donna!”, urla Creonte furioso.
    “Quello che tu hai imposto con la forza non è lecito, né a te né a nessuno. Tra poco nella tua casa si sentiranno pianti e lamenti”, ammonisce Tiresia… ma gli ordini scellerati di Creonte vengono eseguiti, e come succede sempre in questi casi, innescano lutti e tragedia.
    “Molte sono le cose tremende… ma la più tremenda di tutte è l'uomo!”, commentano ora gli anziani.
    Creonte è distrutto dal terrore e dalla disperazione; si sente sprofondare nel male che lui stesso ha causato; arriva addirittura a chiedere che qualcuno lo liberi da quella disperazione uccidendolo.
    Siamo alle riflessioni finali: “… il più grande tra tutti i mali che possono capitare agli uomini… è il non voler ragionare… Creonte, dovevi sapere che il primo fondamento della felicità è la ragione… insieme al rispetto degli dei e della religione… i discorsi degli arroganti, pieni di superbia, vengono ripagati dai duri colpi del destino… e insegnano ad essere ragionevoli”.
    Qualcuno potrà commentare che queste sono storie antiche. Non è vero.
    Quindici anni fa, Marco Paolini, rievocava la storia della diga del Vajont. Una tragedia greca… ma successa solo cinquant'anni fa.
    La diga del Vajont: un’opera che si doveva fare.
    Perché? Perché di si! Perché i politici e i tecnici avevano deciso così anni prima, e ogni volta che erano state avanzate delle critiche si era risposto che l'opera si doveva fare per il progresso, per i giovani, per il lavoro, per l’energia. E la gente della valle che vi si opponeva civilmente, con i pochi mezzi messi a disposizione dalla “democrazia” e dalla legge, fu schiacciata dal potere.
    Erano solo contadini ignoranti che volevano fermare il progresso.
    La diga doveva andare avanti, contro i contadini, contro la natura, contro ogni evidenza, contro ogni opposizione… il potere aveva il consenso dei tecnici consenzienti. Gli altri non contavano!
    Sappiamo com'è andata a finire.
    Quante umiliazioni dovremo subire, quanti insulti dovremo sopportare, quanto dovremo pagare, quanti morti dovremo piangere prima che tecnici, politici e arbitri finalmente capiscano e si plachino!
    Andassero un po' di più a teatro, questi signori, invece di continuare a tagliare i fondi per la cultura, invece di contemplare compiaciuti sempre e solo il proprio ombelico televisivo… andassero un po’ di più a teatro, e forse potrebbero capire qualcosa e prendere decisioni meno folli.

  2. Raffaello Moraca

    Io ho seguito la diretta su internet: la piazza, gremita, era pacificamente all'ascolto degli oratori e, se qualcosa di strano c'era nell'aria, dipendeva dal fatto che nel 2012 dover scendere in piazza a difendere le conquiste democratiche sembra sconcertante e inverosimile. Ma il Pd, tutto proteso ad acchiappare il voto dei moderati (?) di destra, non riesce a capire che la politica non si può fare rimettendo indietro le lancette della storia? Sembra di vivere alla fine del XIX secolo, grazie anche alla classe dirigente del partito democratico!

Rispondi