Le bugie del Governo sul progetto TAV: i fatti e i documenti

La Comunità Montana Valle Susa e Val Sangone presenta oggi un documento di osservazioni sulle dichiarazioni rese dal Governo sul progetto TAV. Ed è importante perché riportare la discussione nel merito permette ai SITAV di evitare troppo spesso la propaganda mendace che spesso si avvale di ragioni pretestuose e, allo stesso tempo, evitare che i contrari al progetto (senza mediazioni e strani emendamenti come qui in Lombardia) non vengano relegati alla cronaca di azioni non condivisibili nei modi e negli obiettivi.

Il 9 marzo 2012 il Governo ha pubblicato sul proprio sito istituzionale un documento con il quale,rispondendo a 14 domande da se stesso formulate,motivava le ragioni per la realizzazione della nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità/Capacità Torino-Lione.
Le risposte presentate sono improprie, imprecise e non risultano soddisfacenti a chiarire con il rigore e la qualità auspicabili le motivazioni di un’opera così costosa e impattante.
In attesa di poter avviare un serio confronto basato su dati oggettivi e su criteri di valutazione verificabili con metodo scientifico, si propone nel file allegato una lettura critica dei contenuti del documento governativo.
L’analisi è frutto dell’impegno collettivo degli Autori afferenti alla Commissione Tecnica «Torino-Lione» della Comunità Montana Val Susa e Val Sangone e del contributo di esperti esterni in varie materie. Ha comportato alcune centinaia di ore di lavoro prestate a titolo personale e non retribuite.

Scarica gli allegati:

– Osservazioni
– Lettera al Presidente del Consiglio

Un commento

  1. Davide P.

    Caro Giulio sulla TAV i GOVERNi di DX e di SX ci hanno sempre dato VERITA' TRONCATE O "POCHE VERITA'. ",
    IL SUMMARY lo conosci:
    1) LA TAV NON RESTITUIREBBE I BENEFIT CHE LA SPESA PER REALIZZARLE IMPONE (GLi investimenti Europei sono solo uno specchietto per le allodole) e permetterebbe solo alle solite imprese di arricchirsi La linea attuale con minori investimenti coprirebbe la richiesta attuale e quella futura.
    2) LA TAV E SI TRASFORMEREBBE IN SPESE DI MANUTENFIONE PER LE GENRAZIONE FUTURE ( La linea attuale "modernata" basterebbe). SPESA CHE AGEVOLEREBBE SOLO LE AZIENDE INTERESSATE A FARE LA MANUTENZIONE spese pagate con le tasse degli ITALIANI Dalle ALPI alla Sicilia.
    3) ….DOVE METTERANNO IL MATERIALE Stratto dai TUNNEL (AMIANTO ed altro materiale pericoloso) ?.. Lo smaltiranno secondo le direttive di smaltimento in un raggio ci xx KM dalla zona di estrazione?

    Please Combattiamo II CRIMINALI ED I CORROTTI, NON CREIAMO DIVERSIVI PER FAR FARE LA GUERRA TRA POVERI….
    LA TAV IN QUELLA VALLE E' UN DISSERVIZIO PER TUTTI GLI ITALIANI NON E' PROGRESSO IN QUESTO CASO

    by Davide

Rispondi