Ripristinati i treni notte. Con un pensiero agli amici del Binario 21

La notizia circola con insistenza e se ne aspetta l’ufficialità a breve: dal 12 giugno ripartiranno tre tratte, Milano-Lecce, Milano-Palermo e Torino-Lecce. Le Ferrovie dello Stato corrono già ai ripari con una dichiarazione che lascia poco spazio a troppe deduzioni: «Non siamo stati noi a cambiare idea. Stiamo parlando di un servizio universale, non di una tratta commerciale, e quindi il nostro committente, in questo caso il ministero del Tesoro ci ha chiesto questo ripristino».
Sulla battaglia (che è di dignità, di lavoro e di unità nazionale) abbiamo scritto (qui gli articoli) e abbiamo presentato una mozione votata in Consiglio. Per questo credo che il ripristino sia una buona notizia non solo per i lavoratori ma per la politica che (una volta tanto) decide di ascoltare quello che succede giù dai palazzi. Dice Erri De Luca che le rivoluzioni si fanno al piano terra, questa volta ci si è riusciti sulla torre.
E forse la foto più bella sarebbe il sorriso dei figli preoccupati in questi mesi per i padri aggrappati e infreddoliti al binario 21.

8 Commenti

  1. gabriella stefani

    Hai ragione Paola!! uno schifo!

    io abito in prov di Salerno e salgo una volta al mese da mia mamma in prov di Vicenza.

    Prendevo un treno notte, il PA_MI

    e scendevo a Bologna, da dove prendevo altri tre treni x arrivare a 30 km da casa: ora, dovrei prendere un treno, scendere a Viareggio, dopo pochi minuti, PERDERE! il treno x Prato, poi uno x Firenze, poi x bologna e ..finalmente i soliti altri tre!!

    Mi spiace tanto x i ferrovieri ma le FS meritano di andare in rovina! ciao

  2. MarcoCacciola

    lottare sempre, se no si è già perso..
    grazie agli amici sulla torre,
    e grazie agli amici sotto la torre, che l’hanno sostenuta per tutti questi mesi.

  3. paola

    Solo tre tratte, per un totale di circa 150 lavoratori, ne mancano all'appello altri 700!!! la risposta delle Ferrovie è la prova tangibile che queste sono una vera e propria S.p.A. rilevata a discapito dei cittadini e pagata di loro tasca.. è questo che dovrebbe creare reazione tra la gente.. facciamoci seriamente i conti di ciò che paghiamo .. che non sono le sole bollette..

  4. elio

    sono felice per i lavoratori, per le loro famiglie e per tutti quelli che questi treni li usano per ritornare agli affetti che hanno dovuto abbandonare e venire al nord per lavorare.

Rispondi