La criminalità è organizzata, e noi no

La DIA ha tutta l’aria di subire un sistematico e interessato smantellamento. Anche se la cosa sembra poco interessante. Marco ne parla con le cifre alla mano:

Sciogliere la Dia a vent’anni dalla sua nascita e dalla morte di Falcone sarebbe troppo anche per questa classe politica: molto meglio svuotarla giorno dopo giorno, per non dare nell’occhio. “Vogliono toglierci la nostra specificità”, denuncia un ispettore, “che ancor oggi ci consente di fare indagini in completa autonomia dalla politica, e che ci rende “pericolosi” e poco “gestibili”. Fanno di tutto per affossarci: prima i continui tagli di fondi e mezzi, poi il trasferimento insieme alla Criminalpol in una zona periferica di Roma, infine l’uso del turnover per riempirci di personale sempre meno qualificato e più raccomandato. Eppure, nonostante le mortificazioni, abbiamo mantenuto un livello di preparazione e di indipendenza altissimo. E forse è proprio questo il “problema””. 

Il bilancio di vent’anni di Dia parla chiaro: 12 miliardi di euro i beni sequestrati a Cosa Nostra, camorra, ‘ndrangheta e Sacra Corona Unita, 2 miliardi quelli confiscati, 9 mila ordinanze di custodia cautelare dal 1992 al 2012. Sei mesi fa, dopo le denunce dei sindacati di polizia e del Cocer dell’Arma, gli ispettori Dia hanno scritto all’allora ministro dell’Interno Roberto Maroni: “Abbiamo il dovere morale di denunciare l’ennesimo tentativo di depauperare la Dia, fortemente voluta da Falcone, attentando così alle sue idee”. Ma, come hanno dichiarato al sito linkiesta.it, non hanno mai ricevuto uno straccio di risposta: “Né da Maroni, né dal capo della Polizia”. Fli ha presentato una proposta di legge per rifinanziare la Dia secondo le sue esigenze, ma nessun altro gruppo parlamentare s’è finora associato. 

Così, proprio mentre occorrerebbero detective esperti e professionali per fare luce sul rinascente stragismo e si avvicina come non mai la verità sulle trattative Stato-mafia partite dopo la strage di Capaci e forse tuttoggi in corso, lo Stato rinuncia al suo apparato investigativo e repressivo più efficace e collaudato. Il tutto mentre le Procure impegnate in indagini su mafia e politica denunciano difficoltà sempre maggiori nel trovare investigatori disposti a rischiare la carriera pestando i piedi a questo o quel potentato.

Il resto qui.

Un commento

  1. Marco Serafin - To

    Ma CRISTOO, bastaaaa!! Noi cittadini abbiamo il DIRITTO, IL DOVERE, L"OBBLIGO di smettere di rimanere indifferenti e permettere il prosieguo di questo sconcio abietto caratterizzato da una classe politica e dirigente che persegue da troppo tempo l'obiettivo di NON FAR FUNZIONARE LA MACCHINA DELLA GIUSTIZIA non dando, tra le altre cose, agli organi giudiziari gli strumenti indispensabili per farla funzionare (PER POI DIRE, I MANIGOLDI, CHE LA GIUSTIZIA `E TROPPO LENTA).
    Cosa deve ancora succedere perchè ci si renda noi conto che il cancro del mal'affare, del pensiero mafioso, sta inquinando i gangli vitali del paese e sta arrivando fin fuori alla nostra porta di casa (se non è già entrato) ????
    E non mi si parli dell' ESERCIZIO DEL VOTO (pur nella sua sacralità), basta guardare agli ultimi 20/30 anni trascorsi.
    Che fare, che fare, che fareeeeeeee??!!
    Marco Serafini – Torino

Rispondi