FS: i conti tornano i servizi no

Intervenendo a una convegno alla Bocconi, l’ad di Fs Mauro Moretti ha dichiarato che, vista la scarsità di fondi disponibili, il trasporto regionale nel 2013 è a rischio. Alle Ferrovie Lei ha dedicato un’inchiesta, pubblicata da Chiarelettere“Fuori orario”. Da osservatore e conoscitore della materia, come legge l’annuncio di Moretti? 

Mi pare sintomatico dell’approccio che ha Moretti sul tema del risanamento delle Ferrovie dello Stato. L’ad di FS ha puntato esclusivamente sul bilancio dell’azienda, e non c’è dubbio che sotto la sua gestione si sia registrata una svolta nei bilanci. Il problema, però, è che ha concentrato le risorse e gli sforzi su un unico settore: quello ricco. Non a caso è il settore, quello dell’alta velocità, in cui il privato è entrato con Ntv, e che è estremamente redditizio.

Quello che non è redditizio però è tutto il trasporto regionale dei pendolari, che rappresenta quasi il 90% del trasporto ferroviario. Quindi, Moretti ha puntato su un settore che non richiedeva grossi sforzi e su cui gli investimenti, tra l’altro dello Stato, erano già stati fatti, che tuttavia serve soltanto una piccolissima minoranza di utenti. Mentre sul trasporto che serve il grosso degli utenti, non ha fatto molto. Adesso minaccia la chiusura delle linee, riduzioni che peraltro sono già state fatte. Gli Eurostar continuano ad aumentare negli ultimi anni, i treni regionali continuano a diminuire.

Le ferrovie hanno dichiarato un bilancio in forte crescita nel 2011, pari a 285 milioni di euro. Come si concilia questo con i possibili tagli ai servizi?

Il problema è che gli utili ci sono perché non sono stati fatti investimenti sul settore più debole, cioè quello del trasporto regionale. E’ chiaro che se si punta soltanto sui settori redditizi e si abbandonano i settori difficili che richiedono investimenti, i conti tornano ma i servizi no.

(da CADOINPIEDI)

Rispondi