E se?

E se non fosse più il tempo delle blandizie centriste? Se non fosse più il momento dell’equilibrismo autoreferenziale, dei salotti, dei caminetti? Se non avessero più senso né la sicumera catastrofista di certi economisti dell’alta finanza né l’egocentrismo mediatico di lillipuziani segretari di partito? Se non fosse più il tempo della favola liberista (e liberticida)?

Se il mantra della crescita fosse solo un abbaglio? Se non servisse più accettare supinamente patti di stabilità, strette del credito, svendite, privatizzazioni? Se non fosse più eticamente accettabile dimenticare non solo i nomi dei morti ammazzati, ma anche quelli dei responsabili; i nomi e i cognomi di chi con ostinazione ancora infligge a questo Paese la pena più grave, quella dell’incoscienza? Se non volessimo chiedere consigli a oracoli ottuagenari, figli (se non padri) di una classe dirigente grigia e vergognosamente colpevole?

Se fosse giunto il momento della resa dei conti? Se fosse l’ora di parlar chiaro e parlarci, magari dando le spalle all’ombroso miraggio di confusi papocchi? Se provassimo a unire anziché dividere; a difendere un’idea invece di tramortirla e vivisezionarla per poi seppellirne le spoglie in qualche cimitero del diritto castale?

Per favore leggete qui Claudio oggi su Non Mi Fermo. Perché non è così difficile.

Un commento

  1. Maria Rivelazione

    sono domande retoriche, caro cavalli. certo che non è più l'ora. ma siamo noi, noi popolo cosiddetto bue (e spesso a ragione), che dobbiamo svegliarci del tutto, aprire gli occhi sullo scempio. o meglio, diciamo che molti, moltissimi di noi, gli occhi li hanno già aperti da mo', ma non basta, dobbiamo diventare sempre più cosapevoli di quanto sta accadendo, di quanto ci stanno prendendo non solo in giro ma uccidendo. più o meno lentamente (v metafora della rana http://lerane.wordpress.com/il-principio-della-ra…. e occorre farlo ORA. noi, non certo i cosiddetti politici e tantomeno i cosiddetti tecnici…che il tecnico così lo sapevo fare anch'io, ma la mia qualifica sarebbe stata quella di macellaio sociale…

Rispondi