Gli ignoranti furbi e i fessi intelligenti

No, parlo dell’ignoranza equivalente al niente, quella arrogante e presuntuosa. Quella di chi sa di non sapere e agisce come se non sapesse di non sapere. Lo stato di ignoranza cui faccio riferimento è dunque dell’uomo che sa di non sapere eppure si comporta come un depositario assoluto della conoscenza. Questo ultimo genere di uomo è il peggiore e rappresenta l’ignoranza equivalente al niente. Molti disastri sono generati dall’azione di questi uomini, maschi o femmine che siano. Questo tipo di uomo manca di coscienza e di verità, per dirla con i socratici. Ma non manca di intelligenza. Chi accetta incarichi che richiedono esperienza e conoscenza di una materia sapendo di non avere né esperienza né conoscenza, è un ignorante equivalente al niente il quale manca di coscienza e di verità.

Leggevo questa mattina l’editoriale di Michele Finizio e ripensavo a quello che scrivevo di Prezzolini. Eccola la rottamazione urgente: l’etica come priorità. L’etica e l’onestà.

3 Commenti

  1. angela

    D'accordo! Quanti ignoranti furbi e fessi intelligenti per la mia strada e sempre ai posti superiori……. Come definivano con i miei colleghi in gergo calabrese la nostra capoufficio incompetente? "BABBA VIZZARRA" ……..

Rispondi