Nonna, tu sei il mare, io sono un’onda

Nella melma degli articoli d’agosto una splendida Liliana Segre raccontata da Alessia Rastelli su Il Corriere della Sera:

«So cos’è, mi disse vedendo il tatuaggio sul mio braccio. E io mi sentii capita, senza bisogno di dire niente». È il primo incontro di Liliana Segre – ebrea sopravvissuta ad Auschwitz, – con Alfredo. «L’uomo che poi è diventato mio marito – racconta -. E senza il quale, forse, sarei diventata una di quelle donne che entrano ed escono dai manicomi, considerate “strane” dalle loro stesse famiglie».

Nei primi tempi del matrimonio ma anche negli anni successivi, quando l’entusiasmo e la felicità di giovane sposa non sono più bastati a ovattare gli echi di un passato con cui fare i conti. Parla di una depressione molto forte, la Segre, quando aveva 46 anni e perse l’anziana nonna, ultimo legame con la famiglia distrutta. Poi, intorno ai 60 anni, la consapevolezza di non avere ancora «fatto il proprio dovere» e la scelta di diventare una testimone della Shoah.

«Quando lo comunicai ad Alfredo si preoccupò che per me fosse troppo doloroso. Ma mi appoggiò» ricorda Liliana. «Da allora – prosegue – ho girato centinaia di scuole e parlato a migliaia di studenti. Ogni volta mio marito mi aspettava a casa e mi chiedeva “Come è andata amore mio?”. E io varcavo la soglia e riuscivo a lasciare tutto fuori. Da quando è morto, invece, quattro anni fa, è molto più difficile rientrare e rimanere da sola con i miei fantasmi».
Resta quello che con Alfredo ha costruito. «Siamo stati una famiglia, abbiamo auto tre meravigliosi figli e tre nipoti» dice Liliana, ancora a Pesaro in questa estate di oltre sessant’anni dopo. Insieme con lei c’è Filippo, il più piccolo dei nipoti, di otto anni. «Pochi giorni fa – racconta la Segre – mi ha detto: “Nonna, tu sei il mare, io sono un’onda”. Allora penso che non avrei potuto chiedere di più. E che, nonostante Auschwitz, alla fine ha vinto la vita».

20120813-093127.jpg

2 Commenti

  1. Ettore Marini

    Si, in quel “Nonna, tu sei il mare, io sono un’onda” c'è il senso di aver raggiunto l'obbiettivo di una vita: aver passato il testimone, nella staffetta della Memoria; anche quando moriranno tutti i testimoni oculari, ci saranno i loro figli e i loro nipoti a portare avanti la battaglia perché tutto ciò che è stato – alla faccia dei negazionisti…- non si ripeta.

Rispondi