Ludovica, i ladri, il suo computer, e la vita dentro

Non so se i ladri in generale hanno rimorsi di coscienza. Non so se leggono gli appelli. In rete, poi, dove di appelli se ne vedono a migliaia, a cascata. E non so nemmeno se possa essere utile metterlo qui. Certo uscire con un sacco nero riempito un po’ di elettronica è equiparabile al finestrino rotto per un’autoradio quando eravamo ragazzini. E’ che ogni tanto succede che negli oggetti più insignificanti (e comodi da rubare) c’è dentro tutta una vita. E allora diventano scomodi e pesantissimi. Non trascinabili. E allora sarebbe bello che si ritrovassero, che ci fosse una restituzione. Come quei finali banali dei film che finiscono come speravi dall’inizio. Ecco, adesso sarebbe il momento.

L’appello:

Hanno rubato le attrezzature e il computer di Ludo. Hanno rubato la vita di Ludo-Ludovica, 6 anni, una malattia senza speranza diagnosticata da tre. Qualche momento in cui ha corso e giocato come tutti i bambini. Poi quella malattia così rara (il morbo di Tay-Sachs),  per la quale non esistono quasi ricerche (e cure), l’ha immobilizzata e resa cieca. Ludo, unica in Italia con quel morbo degenerativo e invalidante,  è diventata un caso amato e sostenuto:  per lei era stato giocato anche il “Derby del Cuore” a maggio del 2011. Perché Ludo per vivere segue una terapia sperimentale in Israele al costo di circa 20mila euro a seduta, coadiuvata da terapie che permettono di curarla anche al rientro.

I ladri che sono entrati in casa di Ludo il 14 agosto a Torvaianica (attorno alle 12) hanno portato via le apparecchiature che servono a mantenerla in vita. E il computer con le immagini di quando era in  salute. Hanno fatto incetta di banale tecnologia con la speranza di raccattare qualche euro.  Il denaro recuperabile da qualcunque ricettatore non vale la vita di Ludo. Immagini, direte. Ma quelle immagini sono la forza per chi le sta accanto.

L’associazione Salvamamme di cui fa parte Roberta, la mamma di Ludovica,  ha lanciato un appello per riavere ciò che è stato rubato. “Contattateci giorno o notte al numero 335321775″, chiede Maria Grazia Passeri, presidente dell’associazione. “Lasciateci in un luogo sicuro questo preziosissimo computer. Passate voce anche a persone che non leggono i giornali e non hanno la Tv”.

Un commento

Rispondi