Coprire il logo. Di fico.

23318692_fiumicino-atr-fuori-pista-sparito-il-logo-dell-alitalia-0Occhio, perché la questione sollevata non è meramente di brand e anzi va ben oltre un aereo finito nel fango. La questione riguarda infatti, più in generale, il rapporto tra poteri e cittadini.

Siamo infatti in un’epoca in cui l’assenza di trasparenza, il sotterfugio ingannevole e il trucchetto nascosto non sono più tollerati. Non c’è niente da fare, è così. Siamo in un’epoca in cui i cittadini (anche nelle loro vesti di consumatori, sì, ma non solo) stanno uscendo e in parte sono già usciti dalla condizione infantile, quella nella quale prendono per buono tutto, passivamente.

E così, in termini di reputazione, Alitalia ha avuto più danni dai suoi fraudolenti e goffi espedienti – l’aereo col suo nome pietosamente ricoperto di una pellicola bianca una volta spiaggiato – che non dall’incidente in sé.

Leggevo questa mattina Alessandro e mi chiedevo se ancora siano in molti a non avere capito che grazie alla rete e alla fame di trasparenza i travestimenti imprenditoriali e politici sono un giochetto che non funziona più. Penso a quanto questo proliferare di prodotti diversamente marchiati (o liste “civicizzate” all’ultimo secondo) sia un insistere in una bugia che funziona sempre meno. Il problema quindi non sono più gli errori e gli incidente quanto piuttosto la “piccolezza” nel metterci una pezza. E l’atteggiamento difensivo svela il modo di essere, di agire e di considerare gli altri che si scioccano sempre molto meno ma si scocciano ormai da troppo. E per molto meno. Davvero.

2 Commenti

Rispondi