Lombardia, salute e il cuore dei cittadini

regione_lombardia_ansa-jpg-crop_displayChiedo al dott. Marco Zanobini, cardiochirurgo presso il Centro Cardiologico Monzino di Milano, se è vero che in Lombardia ci sono più cardiochirurgie che in tutta la Francia: “Se consideriamo che in Lombardia vi sono 20 centri di cardiochirurgia mentre  nella regione francese dell’Ile de France ve ne sono 14,  con una popolazione residente superiore del 15%, possiamo senz’altro dire che in Lombardia ve ne sono troppi. Il dato attuale tiene conto di una programmazione sanitaria effettuata negli anni addietro non troppo illuminata: si decise allora, vista la richiesta immediata di prestazioni cardiochirurgiche che causava lunghe liste di attesa anche superiori ad un anno, di autorizzare l’apertura di un elevato numero di centri, soprattutto privati”. […]

“Si dovrebbe garantire l’accesso di tutta la popolazione ad un elevato standard di cura e al tempo stesso lo si dovrebbe consentire in tempi ragionevoli; mentre la riduzione dei posti letto che si sta portando avanti costituisce un ostacolo. Inoltre si dovrebbe garantire l’appropriatezza delle cure erogate con una continua interazione e collaborazione tra Istituzioni ed operatori del settore, al fine di trovare dei chiari punti di intesa su cui sviluppare una implementazione ed un miglioramento del servizio offerto; a tal proposito ricordo ancora la necessità di un rigoroso controllo della qualità dei risultati clinici forniti soprattutto in un momento come quello attuale in cui si impone la necessità di un serio e razionale controllo della spesa pubblica”.

Domenico De Felice in un’intervista cardiaca che centra il “cuore” della meritocrazia e della programmazione sanitaria fallimentare nonostante la retorica dell’eccellenza.

4 Commenti

  1. Io penso che un medico dovrebbe decidere dove lavorare.Le liste d’attesa esistono, nella loro esasperante e pericolosa lunghezza, solo per le prestazioni erogate dal servizio pubblico, mentre, se a pagamento, all’interno della stessa struttura, si riducono fino a scomparire. Trovo tutto questo vergognoso, e non mi si dica che parte dei proventi vanno alla struttura. Un’azienda che eroga SERVIZI deve funzionare a pieno ritmo in tutte le sue parti. Solo cosi’si elimineranno le liste d’attesa e si sfrutteranno al meglio le risorse.

Rispondi