Ed essere incluso in una fascinazione nazionale è deprimente.

televisione“Ho l’impressione che la televisione sia una persona che,argutamente travestita da macchina con pulsanti, da ordigno con valvole ed antenne, tenti di entrare in casa mia. Di questa persona diffido: la sospetto garrula, emotivamente instabile, moralmente dubbia, non immune da una punta di isterismo,alternativamente lacrimosa e ridanciana; soprattutto l’apparecchio televisivo mi pare vittima di un complesso, che definirei coazione a sedurre. Ed essere incluso in una fascinazione nazionale è deprimente.”

(Giorgio Manganelli nel libro con uno dei titoli più belli che si potesse immaginare: Improvvisi per macchina da scrivere)

 

Rispondi