Intanto cercano di uccidere Di Matteo

pm_nino_di_matteoNon so se qualcuno tra tutto questo parlare di scontrini alla buvette, accordi e accordicchi si è accorto che il pm Nino Di Matteo è sempre più accerchiato e isolato. Le ultime minacce di morte non sono simpatici avvertimenti buoni per qualche servizio strappalacrime sulla paura ma un progetto di attentato ritenuto “assai serio”.

Non so se qualcuno si ricorda che Nino Di Matteo è il pm del prossimo processo sulla trattativa Stato-Mafia che fino a qualche anno fa ci dicevano fosse un’invenzione malata di Salvatore Borsellino e oggi invece vede alla sbarra importanti uomini politici e boss storici di Cosa Nostra.

Non so se qualcuno trova questa sera un secondo per pensare a questa Palermo che scorta un suo magistrato come nei tempi più bui mentre si scrivono editoriali sui sonnellini in Parlamento.

Noi, nel nostro piccolo, ti siamo vicini, Nino.

13 Commenti

  1. Breda Peer

    Si’ anch’io voglio pm Nino Di Matteo vivo ed incolume perche’ una volta ogni cittadino finalmente sia persuaso che regna la giustizia e democrazia. Ma purtroppo ci vuole annientare la collusione del potentato con organizzazioni clandestine nel vero senso della parole che maneggiano un’economia ch enon ha niente a che fare con l’economia nazionale. E’ quella che e’ clandestina fuori di ogni ocntrollo. Bisogna sostenere quelle persone che hanno il fegato di combattere tale “economia”

  2. gina

    Forse è la mia età che mi fa essere pessimista!Non credo che ci sono molti politici interessati alle minacce a Di Matteo;e non alludo a quelli collusi.Parlo di coloro che non hanno sentito parlare di minacce,nemmeno sa chi è Di Matteo.Pensano ad altro,leggono altri giornali vedono altra tv.Poi ci sono quelli che sanno ma preferiscono stare lontano da certi problemi.Sono vicina a Di Matteo,ed ha tutta la mia solidarietà.

  3. Lo stesso procuratore aggiunto di Palermo, Teresi, afferma “Di Matteo è più isolato che mai.”

    Il silenzio, la delegittimazione e quindi l’isolamento da parte delle Istituzioni è molto, troppo eloquente, una cosa terrificante

    E’ ora che fate vedere da che parte state!

  4. purtroppo la mente torna a 21 anni fa, più o meno lo stesso periodo, instabilità politica, indagini delicate e giudici nel mirino di mafiosi e non solo….. lo stato latitante o complice. Speriamo solo in un epilogo diverso e in una diversa coscienza della gente

  5. Deve cessare ogni tipo di violenza in questo paese, dobbiamo dire basta, stop. Dobbiamo fermarci e ricominciare da zero. Basta vendette basta odio, deponiamo le armi e parliamo, si chiariscano errori e responsabilità per fare in modo che non si ritorni su quei passi, ma me chiudiamo col passato. Ne va di mezzo il futuro di questa nazione.

Rispondi