Mafiozo: l’etichetta divertente con i morti tutti intorno

162539807-191e5a0c-fa51-4eee-8e0a-a027fd8f1e23

Vino salentino “Mafiozo”, con il gangster Lucky Luciano testimonial, venduto a Oslo, finito sulla tavola di un archeologo italiano che, offeso, ha denunciato la discutibile scelta commerciale a un sito di informazione, The Local. E un atto di orgoglio che ha portato il 42enne a scrivere alla ditta produttrice per manifestare il proprio disappunto. Si è sentito rispondere che l’etichetta è ‘divertente’ e il vino molto apprezzato dal mercato locale che lo ritiene ‘cool’. “Come italiano – ha denunciato Rossano Cherubini a un sito di informazione – mi sembra pazzesco che si costruisca un business su un fenomeno che, mentre in Usa e in Europa è visto quasi romanticamente, in Italia affligge drammaticamente ogni giorno milioni di persone. Ho molti amici in Sicilia che vivono in luoghi ostaggio del crimine organizzato e che sono minacciati dalla mafia; credo che tutto questo non debba essere sopportato. Molte persone sono morte per mano di questi avidi criminali”. L’azienda si è difesa sostenendo che sull’etichetta (definita divertente”) non c’è scritto “Mafioso”, ma “Mafiozo”, termine che avrebbero utilizzato per indicare il “Gangasta rap”, uno stile hip-hop molto popolare.

8 Commenti

  1. Stefania Speranza

    Mi chiedo per un italiano vero che ha denunciato il tutto quanti hanno riso mostrando compiacenza e magari sentendosi un po’ a casa?!…
    Che bello essere impopolari, che bello sapersi ancora INDIGNARE!

  2. Se s’intendeva omaggiare un rapper nn si metteva la foto di Luky Luciano, ma del rapper…….il punto è che fin quando si vedono atti di violenza con “romanticismo”……nn si va da nessuna parte tantomeno verso la consapevolezza che Mafia e gang similari è pura criminalità… potremmo far parlare questa azienda con Saviano l’autore di Gomorra…magari capiscono cosa vuol dire aprire un vaso di Pandora come quello della mafia!!!!

  3. c’è un locale in Spagna, a Calonge, che si chiama il padrino. Gestito da italiani, dal 1972. Alle pareti sono appese le foto della gerarchia mafiosa americana. Le pizze hanno nomi di mafiosi famosi. Da italiana mi sono chiesta cosa c’è di cui andar fieri, io mi vergogno che il mio paese venga visto così.

Rispondi