La confusione che aiuta le mafie e le droghe

Roberto Saviano aveva cominciato a parlare di legalizzazione delle droghe durante la preparazione del suo ultimo romanzo e quando in Italia il dibattito sul tema era relegato all’ostinazione dei Radicali e poco altro. Ricordo che quando uscì uno dei suoi primi corsivi e poi alcune interviste sul tema rimasi sorpreso dal “silenzio” sul punto: tutti discutevano del libro “Zero Zero Zero” (dividendosi in buona parte già in idolatria o demolizione prima ancora che fosse dato alle stampe) ma in pochi vollero raccogliere quell’invito a legalizzare. Passò come una provocazione, una conclusione affrettata, un’idea che non si risolve con un libro.

Ora il tema della legalizzazione delle droghe risale nel dibattito nazionale dopo le recenti decisioni degli altri Paesi in giro per il mondo (che semplicemente significa che noi qui in Italia siamo indetto nel dibattito, no?) e ancora Roberto scrive un articolo chiaro e per me completamente condivisibile:

Io credo che la legalizzazione, e non la liberalizzazione, sia l’unica strada. Due termini simili che spesso vengono confusi, ma che indicano due visioni completamente diverse. Legalizzare significa spostare tutto quanto riguarda la produzione, la distribuzione e la vendita di stupefacenti sotto il controllo dello Stato. Significa creare un tessuto di regole, diritti e doveri. Liberalizzazione è tutt’altro. È privare il commercio e l’uso di ogni significatività giuridica, lasciarlo senza vincoli, disinteressarsi del problema, zona franca. Invece legalizzare è l’unico modo per fermare quel silenzioso, smisurato, violento potere che oggi condiziona tutto il mondo: il narco-capitalismo.

Appunto sulla differenza tra liberalizzare e legalizzare sta il nodo creato ad arte per rendere l’argomento tutto bianco o tutto nero.

La verità è che non abbiamo scelta: la situazione attuale impone un’analisi accurata del mercato delle droghe e l’attuazione di un programma che non sarà la soluzione definitiva e immediata, e che forse sarà un male minore, ma necessario. Lasciare il mercato delle droghe nelle mani delle organizzazioni criminali non renderà immacolate le coscienze di quanti ritengono che lo Stato non possa farsi carico di produrre e distribuire sostanze stupefacenti. È proprio questo il punto da affrontare e l’inganno da sfatare. Ad avere occhi per vedere.

L’articolo completo è su Repubblica.

Un commento

Rispondi