La cosa importante

Ci sono discussioni: tante, troppe, molte interessanti e moltissime ancora di più inutili. Ci sono diversi modi di rispondere: non rispondere è il modo per ritenere inaccettabile il senso, i protagonisti e l’atmosfera tutto intorno. Ho imparato qualcosa nella vita, facendo il possibile, e quello che ho imparato, e viva dio quanto ancora ho da imparare, me lo tengo stretto. Ci sono cose su cui sono un inetto puro, ad esempio: la gratitudine, la fiducia, per dirne qualcuna. Poi ci sono pochi concetti (pochi) che mi tengo a mente. Ecco.

La differenza vera è tra chi attacca le persone portatrici di qualche azione e chi invece decide di combattere le azioni e non le persone. In questo senso sono tra i secondi e in questo vortice di personalismi, prime donne (io: egocentrico come sono) mi viene il dubbio di essere addirittura un pacifista.

3 Commenti

  1. Dipende….Dipende discriminazioni, che ha subito….Non si deve essere pacifisti, quando ti eliminano tutte le possibilita guadagnare, tutta la violenza dietro le tue spalle, coruzione delle persone vicino te, isolamento, omicidio….Donna deve essere pacifista….Deve avere paura di gruppo mafiosi, che vuole lei distrutta economicamente per potere manipulare con suo corpo e anima….Violenza di potere, corompendo persone per fare di te idiota…Istituzioni ti buttano denuncia a cestino, ti dicono che non hai nessun diritto di niente….Quando trovi qualche guadagno ti eliminano affari corompendo compratori….Dovresti provare persecuzione da gruppo di iene, di avvocati di grande squalore, che hanno ammazzato compagno per fregare proprieta, fregare organi per vendere senza pudore…..Si chiama humanita, civilta?

Rispondi