Il pentito rivela: “i servizi mi chiesero di fermare Falcone”

Parole di Franco Di Carlo, uno dei pochi collaboratori di giustizia dell’esercito corleonese, per Riina è stato l’ambasciatore nel mondo delle professioni e della politica, è stato corteggiato da servizi e apparati, ha mediato, portando in dote al gruppo egemone di Cosa nostra il capitale umano delle relazioni a tutti i livelli.

Lei ha avuto parte in questi disegni?
“Non ho preso parte alle stragi e non le avrei condivise, ma ero in carcere e ho ricevuto visite da esponenti di servizi che mi hanno proposto un accordo per fermare Falcone”.

Quando?

“Accadde prima dell’attentato all’Addaura dell’89, venne a trovarmi un emissario di un ufficiale dei servizi che era stato il mio tramite con il generale Santovito per tanti anni. Con lui c’era il capo della Mobile Arnaldo La Barbera, quest’ultimo non si presentò, ma assistette. Non lo conoscevo, lo riconobbi in fotografia in seguito. Vennero a chiedermi di trovare un modo per costringere Falcone ad andar via da Palermo, a cambiare mestiere. Mi spiego così l’attentato dell’Addaura”…

3 Risposte a “Il pentito rivela: “i servizi mi chiesero di fermare Falcone””

  1. Che e stata ordinata da l.alto si sapeva come il generale della chiesa quando lo mandarano a palermo

  2. Per liberarci dalla mafia bisogna eliminare tutti i vecchi partiti, la mafia esiste grazie a loro che sono gli unici a trarne benefici…..

  3. …è questo che mi stravolge, che sotto sotto i mandanti sono i soliti noti, perciò mi domando sconsolata: chi lotta per spezzare la collusione stato-mafia cosa può realmente ottenere?

Lascia un commento