A Lodi la mafia non esiste (ennesima puntata)

Giornata della legalità, il procuratore di Lodi Vincenzo Russo non ha avuto esitazioni nel confermare la presenza della mafia e della ‘ndrangheta nel Lodigiano: «Anche nel nostro territorio, ad un imprenditore, è stata recapitata una testa di maiale tagliata con in bocca un proiettile, dunque una minaccia chiara della cosca». «Quello che può fare ciascuno di noi per combattere la ‘ndrangheta è rispettare le regole che è chiamato a rispettare» ha esortato il sostituto procuratore di Reggio Calabria Alessandra Cerreti.

Ma questa volta ne parlano i procuratori. Ed è una buona notizia.

4 Risposte a “A Lodi la mafia non esiste (ennesima puntata)”

  1. Possiamo pure non chiamarla mafia, ma io ci ho vissuto anni fa e posso assicurare che qualcosa di simile …

  2. A Lodi la mafia non esiste?Una risata(seppure amara)di lunedi mattina ,fa sempre bene…

  3. Tutto può non esistere, basta chiudere gli occhi, tapparsi le orecchie ma soprattutto turarsi il naso…. ah, e dimenticavo, chiudendo la porta, spegnere il cervello.

Lascia un commento