E’ arrivato il tritolo

Schermata 2014-11-12 alle 23.28.55Ancora allarmi per il magistrato Nino Di Matteo, pubblico ministero del processo trattativa Stato-mafia. Secondo quanto scrive Repubblica, una fonte considerata “molto attendibile” dagli inquirenti ha rivelato che il tritolo per organizzare un attentato a Di Matteo si troverebbe già a Palermo, situato in diversi punti. Raccolto da diversi mesi, ormai, dalle famiglie mafiose palermitane. Le dichiarazioni della fonte in questione sono però poste sotto un rigido segreto investigativo.
È stato Leonardo Agueci, procuratore facente funzioni a Palermo, a comunicare l’emergenza sicurezza al Viminale. Nella mattinata di ieri ha avuto luogo un vertice con la presenza dei magistrati, delle forze dell’ordine, dei Gis dei carabinieri e dei Nocs della polizia, per potenziare le condizioni di sicurezza del pubblico ministero di Palermo.

(link)

17 Risposte a “E’ arrivato il tritolo”

  1. La notizia è talmente grave che non ci si può permettere di rischiare niente, facciamo girare

  2. Quando un lavoro è tutta la tua vita

  3. le stesse parole usate per Borsellino …

  4. Ancora una Cronaca di una morta annunziata.Ancora una trattativa statomafia e noi che ancora non ci ribelliamo.Uccidono il nostro presente e il nostro futuro e cancellano il nostro passato.

  5. e ancora si sente parlare di tritolo……., nulla cambia. Solidarietà a Di Matteo, solidarietà al nostro Paese

  6. giù le mani da Di Matteo… altrimenti ci arrabbiamo

    1. sempre quelli che hanno avuto interesse ad amazzare falcone e borsellino non credo tanto la mafia ma………….

  7. Che si evitino gli errori che fecero con Borsellino…quella del tritolo è una similitudine inquietante!

  8. Il Viminale è impegnato, PER ORDINE DEL GOVERNO, ad impugnare la sentenza del TAR a favore di de Magistris…. Chi legge ne tragga le debite conclusioni. Solidarietà massima al dott. Di Matteo.

  9. spero che gli scoppi nelle mani

  10. Solidarietà per il magistrato Nino Di Matteo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.