Confiscati bar, ristoranti, ville: a Roma anche la ‘ndrangheta pascola indisturbata

Le quote sociali e l‘intero patrimonio aziendale della Macc 4 Srl, con sede nella capitale che si occupa di acquisto, vendita e gestione di bar, ristoranti, pizzerie, rosticcerie, proprietaria del bar Antiche mura; il 30% delle quote del capitale sociale e del patrimonio aziendale, comprensivo dei conti correnti, della Colonna Antonina 2004 Srl titolare, sino al novembre 2009, del noto Bar Chigi; due immobili, tra cui un villino di pregio, a Roma; appezzamenti di terreno agricolo per oltre 12 mila metri quadri; vari rapporti finanziari bancari, postali ed assicurativi: sono i beni confiscati dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria.
I beni, secondo le indagini del Comando provinciale di Reggio Calabria e del Servizio centrale investigazione criminalità organizzata di Roma, sono riconducibili, direttamente o indirettamente, a due affiliati di rilievo, Francesco Frisina, di 58 anni, ed il nipote Alessandro Mazzullo (31).
Frisina è figlio di Domenico, già affiliato alla cosca ucciso il 4 luglio 1979, nell’ambito della guerra di ‘ndrangheta che sino al 1990, aveva visto coinvolte le cosche Condello e e Gallico che ha mietuto più di 50 vittime. Mazzullo è figlio di Giuseppe , ritenuto uno dei “rampolli” emergenti della Cosca Gallico, al quale è stato attribuito il ruolo di intestatario fittizio dell’associazione criminale a Roma.
Dalle indagini è emerso come la cosca, proprio grazie a Frisina e Mazzullo ed ai legami da quest’ultimi, instaurati con altri soggetti di elevata caratura criminale a vario titolo collegati alla storica cosca degli Alvaro nelle ramificazioni di Sinopoli e Cosoleto rispettivamente denominate “Carni i cani” e “Testazza o Cudalonga”, già da tempo impiantate nel comprensorio romano, avesse delocalizzato il proprio centro di interessi dalla Calabria alla Capitale. I due, dopo il trasferimento a Roma, in breve tempo, erano riusciti a condurre una serie di operazioni finanziarie finalizzate all’acquisizione, diretta o indiretta, di diversi immobili, nonché alla gestione di varie attività commerciali – in primis nel settore della ristorazione – manipolando le regole di libero mercato con l’alterazione dei dettami commerciali e finanziari del contesto socio-economico romano. Inoltre è emerso che, a fronte dell’esigua capacità di reddito, i due hanno investito ingenti capitali.
Frisina e Mazzullo sono stati anche sottoposti alla sorveglianza speciale di ps per 3 anni e 6 mesi con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza o di dimora.

(fonte)

6 Commenti

  1. anonimo da prpv di milano

    Bluecoat systems coinvolta in operazioni di spionaggio (presenti anche con ufficio in busto garolfo) . collaborano con nsa. vedere caso siria per esempio noto. fanno spionaggio. collusioni con mafie

  2. anonimo da prpv di milano

    Va aggiunto che, dato il mpltiplicarsi di azioni di intelligence e spionaggio e sperimentazione illegali a vantaggio di sette dell industria multinazionale ed a vantaggio polituco delle stesse sette (o di Stati, Uniti), gli psichiatri rivestono ruoli ancor di maggiore impprtanza per censurare quegli aspetti di una dittatura settaria (trillionaria) sempremeno invisibile

  3. anonimo da prpv di milano

    .. e dunque non vi è più alcuno a tutelarne la prosecuzione dalle occulte sedi, nelle azioni criminali che sfruttano tecnologie invasive e poco individuabili (maser domestici per debilitare intimidire e disturbare comunicazioni) i gruppi a delinquere pare proprio che pttengano senza destare sospetti i contributi di psichiatri che fanno passare per pazzi le vittime (soprattutto quando sono in corso sperimentazioni urbane a discapito di fastidi per le mafie)

  4. anonimo da prpv di milano

    A parte i casi in cui le bestie naziste e mafiose la fanno troppo puzzolente (mi si passi il modo) comportando la non nascondibilità dei fatti, tantopiù se è meglio renderli noti ed usare le prove perchè le azioni criminali stanno sfuggendo al controllo di chi le ha in primis commissionate ed organizzate (prima della cristallizzazione del sistema del gruppo criminale)

  5. anonimo da prpv di milano

    Psichiatri e Carabinieri corrotti: anzi che salvare innocenti li fanno tacere ed aiutano con visite falsate ed indagini dimezzate a far continuare le azioni criminali delle mafie al servizio delle destre naziste ed al servizio di strategie straniere (americane)

Rispondi