Il bullo di Firenze

La cronaca della folle e indecente serata di ieri al Parlamento scritta dal deputato Giulio Marcon:

matteo-renzi-Giovedì 12 febbraio nella notte, dopo l’aggressione di alcuni deputati del Pd ai deputati di Sel (era in corso la seduta-fiume sulle riforme costituzionali), è comparso alla Camera il premier Matteo Renzi. Ci si aspettava che intervenisse per rasserenare gli animi o per rispondere nel merito posto dalle critiche dell’opposizione, ma è rimasto silente tutto il tempo. A parole.

Ma con i comportamenti e i gesti ha comunicato tutto il tempo. Ha preso scherzosamente a microfonate il ministro Delrio, ha chiacchierato con la Boschi, ha guardato ostentatamente con sorrisi di scherno e con fare di sfida alcuni deputati dell’opposizione, ha continuato a darsi il cinque con il suo “cerchio magico”, da Carbone a Bonifazi, si è aggirato tra i banchi dei deputati diffondendo buffetti e battute. Fregandosene del dibattito in corso e non rispondendo agli inviti ad intervenire per chiarire gli aspetti controversi della riforma costituzionale ha fatto dell’altro.

Con un atteggiamento che a Napoli, chiamerebbero da guappo, a Roma da coatto e a Firenze da bullo. Un atteggiamento provocatorio. Un paio di volte si è fatto portare dagli uffici della presidenza il foglio con i tempi (pochi) rimasti a disposizione dell’opposizione per intervenire in aula, rimirandoli soddisfatto. Era interessato a sapere quando si chiuderà la riforma della Costituzione-trattata come un decreto-legge- non a confrontarsi con il Parlamento.

Renzi si è laureato con una tesi su Giorgio La Pira, uomo sobrio, misurato, dialogante, capace di stabilire ponti, sincero e leale. Non si capisce cosa abbia imparato Renzi, scrivendo quella tesi. Il premier ha dichiarato un paio di giorni fa: “Se vogliono lo scontro, lo avranno“. La Pira avrebbe detto al contrario: “Se vogliono il dialogo, lo avranno”.

Ma La Pira era un profeta e un uomo di dialogo. Renzi è un capo-tifoseria e un uomo di rottura.

76 Risposte a “Il bullo di Firenze”

  1. Ma quale bullo.finalmente uno che ha le palle.è finito il tempo che si continuava a parlare senza arrivare a nulla.

  2. Che un popolo intero possa farsi dileggiare ed imbrogliare da una persona cosi’ spregiudicata e’ incomprensibile ed inaccettabile.
    Ma ora ,il Presidente della Repubblica se è’ la persona che viene descritta , non può’ non correggere il “tiro”.

  3. una simile visione di politica arrogante e becera ti fa comprendere come milioni d’italiani poi trovano conforto assistendo a quella mostruosità di Sanremo dove comprendi chè quì per toccare il fondo non c’è mai fine

  4. Berlusconi è più simpatico e scherzoso

  5. buffone e farabutto. Il popolo si vendicherà e anche per lui saranno cazzi amari altro che battutine e bulleggiamenti

  6. Va che cowboy Jana Gianandrea Piccinini

  7. Berlusconi al confronto, uno statista. Mi chiedo quando il Presidente della Repubblica si degnerà di intervenire a fermare questo scempio delle istituzioni.

  8. Oddio. Liberateci da questo infame!!!

  9. Sì sì un vero dittatore ! Ma non temete il referendum lo spazzerà via !!! AHAHAHAHAH Ripigliatevi gente, ma l’avete visto Scotto (sel) che annuiva come un bravo scolaretto a fianco di Brunetta che minacciava i sorci verdi ???

  10. Un incrocio demoniaco tra la tracotanza e presunzione di Craxi e la dittatorialita’ e l’egoismo di Berlusconi

  11. Un incrocio demoniaco tra la tracotanza e la lo

  12. Pd, un accozzaglia di opportunisti che dei comunisti non ha niente. Però gli italiani lo votano!

  13. per quanto voi vi crediate assolti siete lo stesso coinvolti” !

  14. Disgustoso bulletto traditore.

  15. del rio è degno del suo sodale fanno schifo tutti e due uno poi che si vanta diaver fatto fare9 figli a sua moglie….

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.