Piuttosto che pestarsi in Parlamento

Forse sarebbe il caso che SEL rinunci una volta per tutte ad un’alleanza (spesso troppo comoda in molti comuni e regioni) con un PD con cui (almeno qui, da fuori) non ha niente da spartire. Altrimenti non si capisce perché si dovrebbe fare baruffa in Parlamento, andare a braccetto alle regionali e alle amministrative: avversari ed amici a targhe alterne. Comincerebbe magari ad aprirsi anche la sinistra, così. Viene quasi il dubbio che vorrebbero entrarci, nel PD, (con la forza) per fare compagnia alla minoranza di Civati. Per dire.

f8af06ac47baece3cb44fad719887962-2708-k3qG-U10401941737168h3H-700x394@LaStampa.it

19 commenti su “Piuttosto che pestarsi in Parlamento”

  1. Io, che in Emilia Romagna ero per fare un alleanza di sinistra, voglio parlare sempre anche col PD per parlare di programmi per poi scegliere l’alleanza. Credo che coerenza sia cercare ogni volta di fare il meglio, non il meno peggio. Questo
    non è ricerca di poltrone , ma di risultati. Con Renzi non si può col sindaco di Savignano sul Rubicone si. E con una lista di tutta la sinistra unità.

  2. E’ semplice: alle Regionali, alle Amministrative si guadagnano poltrone, SEL è solo poltrone, nopn esiste come forma partito, le baruffe, le false liti in parlamento servono a carpire il consenso dei delusi del PD, ad intercettare il dissenso a sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.