Lo stato #verybello dei cantieri per #expo2015. Astenersi ottimisti per servilismo.

 

Non c’è dubbio che tra scandali giudiziari, infiltrazioni mafiose, traduzioni che fanno impallidire Google Translate e un assortimento verybello di catastrofi comunicative, per Expo 2015 sia stata durissima arrivare fino a qui. Ma ormai manca poco più di mese al taglio del nastro.

Il 13 marzo 2015 il primo ministro Matteo Renzi ha fatto un sopralluogo all’interno del Grande Cantiere, tra i circa tremila operai che lavorano giorno e notte per portare a termine l’impresa. “Siete l’anima e il cuore di questo cantiere,” ha detto tra un selfie e una stretta di mano. “Dovete lavorare con l’orgoglio di chi sta costruendo una grande cattedrale laica. Ce la faremo come è sempre nel nostro dna, magari facendo un po’ di corse alla fine.”

Lo stesso giorno, Expo ha caricato sul proprio canale YouTube l’ultimo episodio di “Belvedere in città,” una serie di video ripresi da un drone per mostrare l’erezione della “cattedrale laica” che dovrebbe essere presa d’assalto da venti milioni (o forse dieci?) di visitatori da ogni angolo del globo, pronti a spendere a più non posso e inondare Milano di soldi.

La realtà, tuttavia, è decisamente meno ottimista di quanto dia a intendere Renzi e di alcuni articoli apologetici che definiscono il cantiere uno “straordinario laboratorio di costruzione” che cresce con una “vertiginosa rapidità.”

Il resto qui.

10 Risposte a “Lo stato #verybello dei cantieri per #expo2015. Astenersi ottimisti per servilismo.”

  1. A me R sta sulle p….(metaforiche) pero’ anche voi che “godete” perche’ l’Expo sara’ un fallimento…sinceramente mi fate schifo .

  2. ma perché non chiamare direttamente l’architetto di un villaggio outlet?

  3. l’80% dell area di Expo ( oltre un milione di mq) con la piastra è stato cementificato ,come faranno a rispettare quanto votato in un referendum dai milanesi nel 2011 che chiedeva che metà dell area fosse adibita a parco ???

  4. L’expo è la metafora del governo renzi. Il governo del fare. Danni. McDonald, CocaCola, Nestlé, Monsanto… alla faccia dell’ecosostenibile e del genuino.

  5. Grazie al camouflage sarà tutto bellissimo… e completamente fasullo… ma quel che conta è l’apparenza, no? Nei selfie il camouflage sembra la realtà… che impora se alzando il tappeto trovi il pattume?

  6. Chissà. forse non hanno aderito tutti quelli di cui si aspettavano la partecipazione?

  7. manuela canera dice: Rispondi

    Giuliano Pisapia ha riportato Milano ad essere una città viva, più che presentabile agli occhi non solo dell’Europa, ma nel mondo. Dopo 20 di giunte di centro destra che l’aveva no ridotta ad una cloaca. Grazie Sindaco.

  8. Agghiacciante. E passa tutto in cavalleria tra le sparate di Renzi e le mistificazioni della stampa. Tra pochi giorni ci sarà da ridere (per non piangere)…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.