Si pensano rivoluzionari ma sono solo utili idioti

Esistono solo quando spaccano. Spiace per il vuoto esistenziale che accompagna quattro vigliacchi a nascondersi dietro il nero per sfogare una violenza che punisce tutti: chi è d’accordo e chi no. Finché i movimenti (tutti) e le manifestazioni (tutte) non si porranno seriamente il tema dei violenti (da chiunque siano istruiti e chiunque sia il mandante) non si può pensare di costruire una seria opposizione culturale. Incagliarsi sulle motivazioni che spingono alla violenza (a questa violenza, animale e senza senso) significa sbagliare in modo miope: in un momento in cui ci sono decine di buoni motivi per indignarsi e resistere spaccare una vetrina significa concorrere alla banalità. Non c’è differenza tra un Salvini vandalo della dignità umana e l’imbecille che appicca il fuoco, non c’è antagonismo tra l’ottimista per servitù e l’incazzato per esistere e non c’è separazione tra il “tutto va ben” e il “solo fuoco e fiamme”: sono tutti compagni, identici utili idioti alla banalizzazione di quello che ci sta intorno. Per la gioia del re.

1milano_scontri_no_expo_fotogramma0_1_1

65 Commenti

  1. solo una cosa voglio dire…..chi sono questi vigliacchi,,,,visto che ora stanno censurando dei video,,,,,,ci sono video targati anno zero,,,,,,,che lasciano perplessi molti,,,,,,,personalmente addebito ai soliti fascisti leghisti e altre speci quella infame guerriglia,,,si poteva acerchiare e fermare in 5 minuti,,,detto pure da saviano,,,,,,,rimane il fatto che dei 30mila manifestanti i loro contenuti,,,non se ne parli,,,,,,sono daccordo sono idioti,,,,,,,ma quali ideoti,,,servi del potere,,,dei politici,,,o del solito reggime,,,la storia insegna

Rispondi