A proposito di Penati

Aveva promesso di rinunciare alla prescrizione e poi non l’ha fatto. Ora dice che le richieste del magistrato che ne chiede 4 anni di condanna è “preconfezionata”. Ma quello che è peggio è che alla fine Penati sembra che non lo conosca più nessuno. Mi ricordo (ero in quel Consiglio Regionale) gli atteggiamenti servili e invece ora Filippo Penati è diventato una “questione privata”. A posto così. 

13 Risposte a “A proposito di Penati”

  1. Questi personaggi non sanno cosa sia la vergogna!

  2. tristezza e profonda delusione

  3. Io mi ricordo solamente, in “piccolo”, se può esistere un “piccolo” al riguardo, l’emissario dal lui inviato a Rozzano che turlupinò un bel po’ di gente,m prima di disvelarsi ciò che fu il precedente sindaco di Rozzano, ormai da anni ‘penatizzata’…

  4. Parole parole parole sono solo parole e niente più .

  5. ricordo la desolante scena davanti al tribunale di Monza, con il giudice che chiede all’avvocato di Penati notizie del suo cliente: “avvocato è l’ultimo giorno per rinunciare alla prescrizione, sempre promessa e annunciata dal suo cliente, dov’è?” “mi scusi ma al cellulare risulta irreperibile”. che figura…

  6. attendo un commento di Bersani, sempre così attento alla questione delle “radici”: qui abbiamo a che fare, quantomeno, con una “malapianta” che ha attecchito a lungo nel suo giardino…

  7. La politica è promettere (a parole) poi fare il contrario. Lui è perfetto…

  8. Poi c’è anche il mandamento di comunione e liberazioni che non scherza mica!

  9. Il clan delle Red coop non si smentisce!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.