L’importante è indignarsi

il solito Mauro Biani.

  

Rispondi