Toh, non esiste nemmeno la fonte oltre che l’intercettazione

A proposito dell’intercettazione di Crocetta che non esiste (mentre tutti hanno pontificato) c’è una frase di Lo Voi, Procuratore di Palermo:

«Non si parli di fonte, perché l’intercettazione non esiste».

e poi

«Quando depositeremo le carte, e conto che avverrà presto, si capiranno un sacco di cose. Ora c’è il periodo feriale, ma a settembre…»

Applausi, eh.

espresso-crocetta

11 Commenti

  1. A parte che le intercettazioni esisto, esiste anche ” il canarino ” solo che al momento di confessare ha preferito negare. Giusto così ( il nome della fonte non si fa mai ). Crocetta può rappresentare tutto tranne l’antimafia : non è che io sia prevenuta contro lo sbiancamento, non dei denti nel suo caso ( mi viene da ridere ), contro i suoi show, il suo gesticolare, le sue sedute dall’estetista, i suoi GURU con i quali si confessava : parroco, medico, avvocato. Cosa ha a che fare un tipo così frivolo, con Falcone e Borsellino? Dimenticate SEMPRE un accadimento, un’intervista importante : quella di Lucia Borsellino e Manfredi Borsellino. Io CREDO A LORO, perché sono i FIGLI di Paolo Borsellino, chi meglio di loro può dire, capire come funziona il meccanismo? E se una macchietta come lui per molti siciliani e non solo, rappresenta l’ANTIMAFIA, io smetto di crederci. Non m’interessa minimamente che sia amico di Ingroia. Proprio ZERO.

    1. amico è una parola grossa. Ingroia. “Sia chiaro. La mia non è una difesa d’ufficio di Crocetta perché sono convinto che il bilancio dell’operato politico del suo governo è stato finora largamente deficitario. Ma questa è un’altra questione, ben diversa dalla criminalizzazione di un uomo politico attraverso la pubblicazione di un’intercettazione inesistente. Non si può infangare qualcuno con un sistema che ricorda molto da vicino il famoso “metodo Boffo”. Metodi di killeraggio politico-mediatico che si vanno pericolosamente diffondendo in ogni dove ed in testate giornalistiche di diversa estrazione politica. E’ forse questo l’aspetto più inquietante della vicenda su cui ci si dovrebbe interrogare. Un pericoloso e progressivo imbarbarimento dell’informazione e della lotta politica che ci deve far riflettere. Prima che sia troppo tardi.” http://www.azione-civile.net/la-bufala-dellespresso/

Rispondi