Ogni tanto a quest’ora

Tipo adesso, che ho appena finito di scrivere un articolo così veloce che sembrava non dovessero mai smettere di battere i tasti, ogni tanto a quest’ora mi rimangono in testa delle idee, mica poche, di una storia, di un pezzo o di un’inchiesta da provare ad annusare e ho le dita così stanche come penso che siano stanche le gambe stanche delle persone anziane che si preoccupano delle proprie gambe. E le idee mi rimangono in testa ma non mi arrivano alle dita come si ci fosse un imbuto ostruito in mezzo al petto.

E allora vado a dormire con la speranza che domattina, quando mi sveglio di mattina, domani, le idee non siano appassite e le abbia ancora tutte lì, chiare e in fila come sono adesso che è sera, senza nemmeno un piega sgualcita.

Così penso che la mia scrittura è l’orma migliore che mi potesse capitare di imparare a lasciare.

2012_47556_117542

7 Risposte a “Ogni tanto a quest’ora”

  1. “Così penso che la mia scrittura è l’orma migliore che mi potesse capitare di imparare a lasciare”.
    Stupendo! Sembra la risposta alle mie sollecitazioni nei laboratori di scrittura autobiografica…

  2. è piacevole leggerti, e sai coinvolgere con argomenti che ti toccano nel profondo,grazie di farlo

  3. Scrivi cose interessanti e fai riflettere.

  4. #possibile, Giulio, non vogliamo perderci nemmeno 1 delle tue idee.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.