I referendum mentre le tre scimmiette si spulciano a sinistra

Lo so, mi sono fissato ma non riesco ad assistere in silenzio a questo ennesimo suicidio a sinistra. E allora ne ho scritto qui per Left.

referendum1

8 Commenti

  1. Ciao Giulio,
    non condivido alcune delle proposte referendarie ma credo altre sì e forse un salto a votarne qualcuna ce lo faccio. Però noto come al solito (visto che ho scritto senza aver da te risposta almeno 4 volte) che manca l’unico referendum che probabilmente non andrebbe in porto ma che solleverebbe il giusto tema per attuare un po’ di welfare state: non si parla di uscita dall’€
    E questo tema attirerebbe gente a votare se fosse ben pubblicizzato e toglierebbe un cavallo di battaglia insensatamente lasciato alle destre e ai populismi pentastellati

    Un abbraccio

    1. detto molti in sintesi Giulio la mia personale opinione, che so suona dogmatica ma in compenso viaggia su analisi e non solo sui “sentimenti”, è che se non si sposta il ragionamento su € e macroeconomia …rischiate di parlar di fini senza averne i mezzi

      E’ una semplificazione quel che dico ma è un primo ponte per comprendersi

      Grazie di aver battuto un colpo: onorato :-)

    2. Antonio D’Amico …di alcuni dettagli non mi intendo. Non è un caso che avessi scritto: ” manca l’unico referendum che probabilmente non andrebbe in porto ma che solleverebbe il giusto tema …”

      Si potrebbe forse cercare diversi tipi di formulazione, più indiretti sul tema. Non so ad es. un referendum che concerne la legge stessa che non ammette quel che tu dici. Non so la formulazione esatta: non sono un giurista e il parto referendario specifico è materia tecnica

      il fulcro su cui battevo era un altro: se la gente capisce (e tu le lasci capire) che stai cercando di scuotere qualcosa che permette all’Ue di fare il bello e il cattivo tempo su di te Paese Piigs …la gente di questo ti è grata e uno sforzo verso un banchetto referendario lo fa, altrimenti no

      si possono forse cercare formulazioni più traverse: la cosa importante (a mio parere ovviamente) è far trasparire la netta volontà di interrompere …proprio quel che tu dici, cioè un insieme di leggi (suppongo introdotte dopo il 2000 e non connesse alla vecchia Costituzione) che di fatto tarpano le possibilità di attuare un welfare state e che invece ti mettono in mano a Draghi, al “partito di Davos”&co

      questa stessa intenzione manifestata in un qualsivoglia modo (io dico anche sfruttando qualche cavillo referendario) è positiva secondo me. Perché ottiene l’effetto più importante: quello di riaprire un’interazione a sinistra con l’elettorato il quale ti perdona talvolta un’efficacia tattica relativa se però vede che è uno step deciso verso una strategia giusta

    3. la cosa importante sarebbe poi aprire un battage politico …che spieghi i limiti del referendum stesso sul tema € e del perché si è comunque chiesta una partecipazione referendaria ai cittadini. Questo otterrebbe l’effetto di attrarre verso il mondo progressista i riflettori …e al contempo potresti smontare la retorica referendaria anti€ che il M5S sta sollevando …mostrando sì tu in anticipo le possibilità ma anche i limiti del referendum sul tema

      si potrebbero fare dei referendum che obblighino in via indiretta (cioè con un’abrogazione che crei uno spazio di quel tipo) il parlamento a porre in agenda la questione €

    4. lo scopo è scuotere e sbalestrare …non immediatamente ottenere diciamo. Anche perché è giusto che si apra un dibattito pubblico …molti progressisti credono onestamente nell’€zona e non la vedono come un problema …il referendum è una scusa per aprire un dibattito che viene evitato tra i progressisti

    5. tenete conto che Lega, M5S e Casapound si stanno impadronendo in toto del tema …se (come io credo) questo tema (l’€) è valido …si sta commettendo un errore senza ritorno. Nei prossimi anni con la scusa del sovranismo e dell’€ e della crisi …le destre e i populisti manderanno giù Renzi (ci riusciranno …la crisi aumenterà) e poi però non si occuperanno affatto solo di sovranismo monetario

Rispondi