Li armano e poi li combattono /4

1434897679-isis-bandiere

di Mariella Colonna

Uno studio internazionale, Conflict Armament Research (patrocinato dall’UE), ha reso noto che i terroristi dell’Isis utilizzano armi e munizioni fabbricati in Usa, Russia e Cina. Lo studio – realizzato da osservatori inviati nelle zone di conflitto che hanno lavorato accanto ai peshmerga curdi tra luglio ed agosto di quest’anno – è stato possibile grazie alla raccolta e analisi di bossoli sparsi nei luoghi degli scontri armati con gli jihadisti nel nord dell’Iraq e nella Siria settentrionale. Questo lavoro ha tracciato una mappatura dei materiali bellici in dotazione al Califfato.

Lo studio dice che l’approvvigionamento armato dell’Isis ha diverse provenienze: una parte è in capo a gruppi antigovernativi e a pezzi della sicurezza siriana e irachena corrotti. L’altra arriva dalle incursioni jihadiste che hanno permesso all’organizzazione di raccogliere sul campo armi di fabbricazione americana date in dotazione all’esercito iracheno nel periodo post-Saddam. Ben oltre l’80percento delle circa 2000 cartucce raccolte risultano prodotte in Cina, Russia, Serbia e Stati Uniti. Di queste, più di 300 cartucce per fucili M4 ed M16 consegnati dagli Usa alle forze di sicurezza irachene durante l’occupazione dell’Iraq, sono state prodotte al Lake City Army Ammunition Plant, una fabbrica in Missouri di proprietà del governo americano che produce 4milioni di proiettili di piccolo calibro ogni giorno per l’Esercito Usa. Ma non è tutto. Le munizioni in mano all’Isis comprendono anche bossoli fabbricati dalla californiana Sporting Supplies International Inc e cartucce con il marchio Wolf. Gli M16 sono l’arma usata dagli americani nel 2003 per liberare l’Iraq, utilizzati qualche settimana fa dagli jihadisti durante l’assedio e la conquista di Mosul.

In seguito ai furti di armi commessi dallo Stato Islamico a danno dell’esercito iracheno, si legge nello studio, il Congresso americano si è fatto carico di nuove forniture di armi e munizioni ai militari iracheni e ad alcuni gruppi siriani, limitandosi a richiederne il controllo al Dipartimento di Stato. Controllo non privo di errori perché nel 2007 Washington ha pubblicato un rapporto che evidenziava lo smarrimento di 190mila armi in Iraq che molto probabilmente hanno equipaggiato un esercito.

L’analisi inoltre Conflict Armament Research mette in risalto che anche la Russia ne è coinvolta. Probabilmente indirettamente. Se si considera che Mosca è alleata di Bashar al-Assad al quale fornisce armamenti, ma Damasco è un obiettivo dell’Isis. Infatti, secondo gli osservatori la conquista di Ḥamā è stata fatta principalmente allo scopo di approvvigionamento di armi e munizioni. Perciò Putin risulta il secondo fornitore del Califfato.

I dati dimostrano inoltre che larga parte delle munizioni di produzione cinese sono state inviate in Siria e in Iraq e da lì portati nella zona di guerra. Una piccola parte proviene dall’Iran, paese sostenitore del governo iracheno a guida sciita ed alleato di Assad. Una minima parte proviene dalla terra dove tutto è iniziato.

(fonte)

Rispondi