A proposito di ISIS, musica e teatro e cultura.

library

Era successo con Khaled al Assad, il rinomato archeologo barbaramente ucciso. Era successo anche con la sparatoria al Museo del Bardo a Tunisi. E poi al Bataclan, la “sala da spettacolo” che è al centro della cronaca di queste ore. Il terrorismo teme la bellezza, il terrorismo ha bisogno di una massa stolida che non sia capace di elaborare soluzioni, alternativa, in una parola sola: cultura.

E chissà se davvero non succederà anche che ci renderemo conto di quanto passi anche da lì, da una concezione di passatempo “etico” oltre che spassoso, dal ruolo così importante delle parole recitate, cantate o scritte. Mi dico: chissà se ci riusciremo anche noi, oltre che loro, a capire quanto sia potente la cultura.

9 Risposte a “A proposito di ISIS, musica e teatro e cultura.”

  1. ..non la “nostra” cultura Anna…la “Cultura” con la C maiuscola, quella che ci consente di avere senso critico, di analizzare i fatti, di non farci influenzare dall’emotività e da ciò che vogliono farci credere. E’ l’ignoranza la forza del potere.

  2. il terrorismo ha bisogno di fanatici che non hanno un minimo di intelligenza.

  3. è la nostra cultura che vogliono annullare

  4. Secondo me colpisce dove c’è aggregazione. Che sia sala concerti, stadio o museo.

  5. Sulla potenza della cultura condivido pienamente le tue riflessioni. Sull’uso (ancora) del termine “Terrorismo” forse occorrerebbe ragionarci su. Bisognerebbe definire cosa si intende per Terrorismo su scala internazionale e capire se quel che sta accadendo, da entrambe le parti, corrisponde a quel significato. Una cura presuppone sempre una precisa diagnosi della patologia …

  6. Solo la Bellezza ci può salvare, adesso

  7. Splendido pensiero, Giulio… condivido :)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.