Avviso agli ignoranti: quello che credete di sapere sul Corano è falso

12239716_10153289613372756_7333138893086243744_n1-638x425

È il giochino del momento: se non sai cosa scrivere, cliccare o millantare in pausa pranzo basta citare a caso qualche fantomatico passo del Corano. L’importante ovviamente è non averlo mai letto, scambiando la Fallaci per Allah oppure il titolo di Libero come un passo di testo sacro. Insieme all’islamofobia si è sviluppata una moderna tendenza a discettare su tutte le beghe di Allah ce il Corano è l’argomento “cool” da sfoggiare durante l’aperitivo. Dal nord al sud. Bianchi e neri. E non conta saperne: conta solo essere tutti d’accordo. Come nelle dittature culturali così comode per gli ignoranti.

Così noi profondamente cattolici (e in gran parte ignoranti anche ovviamente dei sanguinosi passaggi del terribile, vendicativo e geloso Dio che sta dentro l’Antico testamento) non abbiamo avuto nemmeno voglia di ascoltare le voci di chi ha provato a dirci che le cose non sono sempre banalmente quello che sembrano. Le manifestazioni in tutta Italia delle comunità islamiche che hanno voluto prendere le distanze dal terrorismo sono state semplicemente vissute come un atto dovuto. Bene così. Eppure il messaggio era molto di più di un semplice scendere in piazza.

L’Islam condanna il terrorismo
L’Islam condanna il terrorismo, l’uso della violenza e della forza in maniera ingiustificata. Nel Corano [16.90] si dice: “In verità Dio ordina la giustizia, la bontà, e di dare aiuto ai parenti; mentre vieta tutte le azioni malvagie, ciò che è riprovevole e ogni tipo d’oppressione. Egli vi ammonisce affinché ne possiate trarre un monito”.

Capita di sentire e leggere che l’Islam comunque terrebbe verso il terrorismo una posizione ambigua eppure basterebbe una veloce ricerca in rete per trovare il pensiero dei leader a riguardo. Ad esempio ‘Abd al-‘Aziz Al al-Sheykh, mufti dell’Arabia Saudita, che già in occasione degli attentati delle torri gemelle nel 2001 disse: “Questi atti accaduti negli Stati Uniti d’America, e qualsiasi cosa di simile come il dirottamento di aerei, il prendere gente in ostaggio o ucciderla non sono altro che una manifestazione d’ingiustizia, oppressione e tirannia che l’Islam non permette né approva. Anzi sono chiaramente proibiti e sono annoverati fra i peccati più gravi”.

L’Islam condanna ogni forma di estremismo
Si dice che gli islamici sono tutti integralisti. Tutti estremisti, si dice. Una delle voci considerate più sagge dall’Islam, ‘Abd al-‘Aziz bin Bez, siamo nel secolo scorso, disse: “L’estremismo è il prendersi delle concessioni per le quali non c’è fondamento né verità. Invece il terrorismo è la trasgressione perpetrata ai danni delle persone colpendole e uccidendole senza avere alcun tipo di argomentazione: piuttosto a causa dell’ignoranza e della mancanza di discernimento. I terroristi sono coloro che uccidono le persone ingiustamente , senza avere alcun tipo di prova dalla Legge di dio che possa avvalorare le loro azioni”.

Nel Corano, tanto per rimanere sul tema più caldo si legge [4:171]: “O Gente della Scrittura! Non eccedete nella vostra Religione”.

E il Profeta Mohammed insegnò: “State attenti al superare il giusto limite nella religione poiché ciò che portò alla distruzione di coloro che vennero prima di voi fu l’eccesso nella religione.”

(continua qui)

8 Commenti

  1. Non sono assolutamente d’accordo su questo articolo.
    Non perché ritenga il Corano un libro più di morte degli altri, perché il peggiore è chiaramente la Bibbia, ( trovate nel link qui sotto tutte le sue terribili atrocità di massacri di donne e bambini in maniera sistematica e pulizia etnica ) , ma anche il Vangelo non scherza.
    La bibbia, o meglio parti di esse, sono in comune alle 3 religioni monoteiste.
    La realtà è che tutte e 3 sono basate sulla differenza tra appartenente o meno alla religione.
    Gli ebrei hanno fatto un patto con Dio, non gli altri.
    Non è una caso, per esempio, se il secolare impero ottomano fu guidato da cristiani convertiti, i Visir, alcuni italiani, e il Sultano protetto da cristiani rapiti e convertiti da giovani, i giannizzeri. Perché questo ?
    Perché sarebbe stato peccato anche per il sultano uccidere un nato musulmano. Invece far fuori un Visir era poca cosa, visto che era nato cristiano.

    http://www.uaar.it/ateismo/controinformazione/atrocita-bibbia/

  2. io sulla tomba di Hassan Aboukalil , sciita libanese morto a 35 anni dopo essersi laureato in ingegneria chimica e sepolto a Genova , quasi un mio figlio, leggo VI HO FATTO POPOLI DIVERSI PERCHE VI INCONTRIATE. Al suo funerale3 era presente anche il rabbino Momigliano. Hassan mi ha spiegato molte cose con la parola e soprattutto con la vita. Quando Woitila ha indetto l incontro ecumenico, a Genova abbiamo un incontro di preghiera a palazzo San Giorgio ed Hassan ha citato VOI NON LO SAPETE MA IO SONO CAPACE DI FARVI FARE LA PACE COL VOSTRO NEMICO. Non sono una conoscirice del Corano ma nemmeno della Bibbia ma sentendo ad esempio Moni Ovadia capisco che i libri cosidetti sacri sono anche la storia di un percorso umano storico ed antropologico durante il quale avvengono evoluzioni e, perchi ci crede come Hassan da mussulmano o come me da povera cristiana il cammino e quello dell incontro e non dello scontro funzionale solo ai detentori del potere economico mondiale. Scusate gli errori ma scrivo male anche perche la tastiera non funziona ed ho pure il braccio ds rotto

  3. cavalli sul corano (come sulla bibbia del resto) c’è tutto ed il contrario di tutto, non dimenticare che è un libro scritto da un mercante relativamente colto del 600 arabo… prenderlo a spezzoni, nel bene o nel male è una sciocchezza comunque. il punto è che mentre l’occidente ha superato la bibbia coi vangeli, e tra tutti ne ha scelti poi solo 4 tra di loro relativamente omogenei, il caro maometto trecento anni dopo ha rimischiato le carte scrivendo un libro dove l’ispirazione abramitica (e quindi veterobiblica anche nei modi) è già nelle premesse. è un libro che giustifica tutto… in occidente tutti giudichiamo il califfato come estremista ed extraislam pensando un po’ alla Rousseau un po’ alla cattolica, è sbagliaterrimo, l’islam (e quello sunnita anche più) non ha una autorità centrale infallibile (brillante invenzione cristiano cattolico romana) che regge il timone e dispensa parole divine… l’interpretazione è in mano a tutti ergo tutti possono trovare giustificazione nel corano, sia per benedire che per condannare daesh… e tutti hanno ragione. se non si capisce questo si rimane a coppi e bartali…

  4. Si fa troppa confusione sui termini, ci si appropria indebitamente di parole a caso solo perché ieri le si sono sentite o lette in coda alla posta. Si cercano consensi urlando slogan di cui non si percepiscono davvero i significati celati e non ci si preoccupa di capire, di studiare e conoscere. Questa terza guerra mondiale, in atto da anni con modalità differenti dalle precedenti come ovvio, sta raggiungendo il suo scopo, l’instupidimento delle masse, la scusa della paura, il pullulare di indifferenza difensiva: ma è così difficile cogliere che siamo davvero tutti sulla stessa barca, strumenti passivi nelle mani di un sistema molto più complesso, i cui primi guardiani siamo proprio noi?
    #maicontrosempreper

Rispondi