Forse sarebbe il caso di riflettere (a proposito di circhi antimafia)

Schermata 2015-12-01 alle 21.11.12

Ora è La Torre (l’articolo è qui) ma i segnali sono molti e nonostante il timore reverenziale generale cominciano a fare rumore. Forse sarebbe il caso che Libera si ponga qualche domanda. Senza paura. Con l’energia dei moltissimi che si spendono ogni giorno in ogni angolo d’Italia. I giovani sono una meraviglia, l’idea e lo spirito sono altissimi ma la classe dirigente è tutt’altro che infallibile. E i soldi sono troppi.

24 Commenti

  1. Non mi vergogno proprio di niente…anzi, ribadisco che una persona adulta e si presume adulta, se deve litigare, che è legittimo, non lo fa sui giornali così tutti a dire poverino e che stronzo don Ciotti!!!! Invece di stare sui” se ne sono sentite tante” andate a sporcarvi un po’ le mani dentro le cose!!!! Facile stare a guardare e giudicare….

    1. Cara Patrizia Marchetti ma è ovvio che si debba continuare. La missione di Libera è importante (e alta). Se leggi anche La Torre lo conferma. Il problema è che, come tutte le associazioni e per di più quelle profumatamente finanziate, credo sia d’obbligo porre domande e pretendere risposte. No?

    2. concordo con te Giulio e sottolineo, per i distratti, che la missione alta di cui parlate giustamente Tu e La Torre è quella di LIBERA non quella delle personificazioni divinizzate di Libera o di altre associazioni antimafia. Le idee devono prevalere non le opinioni personali. e le grandi idee sono sempre frutto di confronto, di dialogo, di trasparenza, di umiltà … questa sconosciuta …

    3. Ma come mai sei così ossessionato dai soldi? Tu lo sai bene che Libera in se non possiede niente. Sono le associazioni o le cooperative che fanno parte di Libera a gestire questi milioni e milioni e milioni….fate sapere anche a me quando arrivano i soldi a Libera che così me ne prendo un po’ ….ma dove ma quando? Boh beati voi che notizie certissime

  2. L’autoritarismo, semmai, è di Don Ciotti. Franco La Torre ha una storia dietro di sè e non è persona da parlare a vanvera. Quanto al bilancio “pubblico” … dobbiamo ridere ? … se ne sono sentite tante sui modi di Don Ciotti in questi anni e sempre è stato tutto messo a tacere bruscamente a suon di minacce di querele e di invettive. Troppi soldi in ballo come dice il Dottor Gratteri da tempo. Quanto al vostro linguaggio violento, volgare ed aggressivo … non fa che confermare le parole di La Torre. Vergognatevi

  3. Scusa Giulio, ma Libera ha un bilancio pubblico e tutti possono vedere come vengono usati i soldi… Se poi La Torre vuole fare la prima donna e in Libera non se ne sente il bisogno di questi giochi di potere, non è che se sei familiare di vittima di mafia ti permetti di gettare merda dove anche tu sei stato fino a ieri….soprattutto non lo fai in pubblico.

    1. Certo, ma se si è persone equilibrate, rispettose….e no, non mi sta bene che ci facciamo un mazzo tanto per il nostro territorio e poi arriva uno che si chiami la torre o pinco pallino e lancia offese e sospetti!! Chiedo rispetto anch’io per il nostro lavoro gratuito e appassionato e che continueremo a fare. Libera ne ha passate tante supererà anche questi strappi. Però creano tanta amarezza…

Rispondi