Vai al contenuto

Colpe dei padri e i loro figli

iene-bagheria-675

Dai, davvero siamo seri. Ora il sindaco 5 Stelle di Bagheria (beccato insieme all’assessore con un abuso edilizio) si difende dicendo che “le colpe dei padri non devono ricadere sui figli” (qui).

Ma davvero? Ma dopo che ci siamo quasi tutti indignati (giustamente) per la Boschi e suo padre?

Dai. Su.

64 commenti su “Colpe dei padri e i loro figli”

  1. Caro Giulio, questa volta non condivido, il Conflitto d’interessi della Boschi sta nel fatto che va a legiferare per salvare la banca del padre e non perchè è figlia di un indagato.
    Inoltre mi risulta che la casa sia condonata, quindi anche la definizione “beccato con un abuso edilizio”, non corrisponde alla realtà

  2. Questa si che è una descrizione da antimafia

    “Silvio è uno studente prepotente, egocentrico e scaltro che è stato educato dal padre ad una continua ossessiva ricerca delle scorciatoie ad ogni costo. Vive in paese di provincia del milanese ma lo stesso giorno che ha l’occasione di accompagnare il padre nella banca in cui lavora, nel cuore della Milano bene, si innamora di questa città di eleganza, soldi e affari e decide di diventare, da adulto, un uomo a cui tutti sognano di stringere la mano. Silvio capisce subito che negli ambienti degli affari conta dare un’esagerata proiezione di sé stessi sforzandosi di galleggiare al di sopra delle proprie possibilità in attesa dell’occasione della vita.”

    A quanto pare l’occasione c’è stata eccome!

    Golia iena, fatti un giretto in quel della banca Rasini che potresti trovare l’eroe dell’amico.

  3. Proprio in questi giorni è stato riconfermato al processo di Palermo (Statomafia) che un certo Vito Ciancimino, tramite un certo Bontade e un certo Dell’Utri era in affari con un certo Berlusconi. Miliardi per il nano di Arcore (Chiedere a Previti per l’acquisto della villa oggi di proprietà del Pedopornopidduistabungabunghista) per Milano 2.
    Forse, queate sottolineature in aula, urtano la sensibilità del puttaniere pedofilo. Golia iena, sembra essere il nuovo smemorato, non si ricorda nemmeno che a promuovere condoni era il suo attuale Boss….ma non serve ribadirlo… loro possono inquinare anche l’etere impunemente.

  4. Non scaldatevi. Difendersi dicendo che le colpe dei padri non devono ricadere sui figli o che è un attacco ordito da Berlusconi attraverso una trasmissione televisiva è ‘na cazzata. Sul resto state facendo tutto voi. Io sto parlando di questo.

    1. visto che sono una signora di 63 anni ti consiglio..pacatamente..di leggere tutti i commenti e con l’onesta’ intellettuale che dovresti possedere metterti non sulla difensiva ma in discussione…ammettendo che hai sbagliato a prendere come esempio questo giovane sindaco e la vigliaccata che gli hanno preparato …

    2. Personalmente non mi sono scaldata. Ho stima di te. Una delle cose che ho spesso sentito dire dai portavoce 5s sul caso Boschi è che le colpe dei padri non cadono sui figli e infatti alla Boschi viene recriminato altro. Sul servizio, noto la solita tempistica giusta. Per qualcuno. Gradirei vedere comunque quello che hanno eliminato sugli scontrini di Renzi visto che esistono voci che dicono che anche qui ci troviamo davanti un caso di spese pazze.

    3. Nessuno si scalda dato che sino a poco tempo fa il sottoscritto votava Berlusconi. Ne tantomeno mi permetto di attaccarti riguardo alla tua considerazione di infantilismo da parte del sindaco di Bagheria. Piuttosto ciò che mi intristrisce e mi spinge a rispondere a questo post in maniera critica è la superficialità con cui tralasciamo , come ai tempi del Berlusconismo, la potenza distruttiva del nostro sistema mediatico ai danni del opnione pubblica. I media nazionali (pubblici e privati) spostano livello di attenzione del popolo e le priorità che dovrebbe considerare per fungere quel minimo da controllo sul potere. Sono convinto e lo ribadisco di nuovo che la prossima settimana le IENE chiederanno scusa a questo piccolo e giovane sindaco abusivista grillino. Purtroppo la frittata è stata fatta,tagliata e servita mentre Cuffaro con il suo bacino elettorale ha già promesso onorificienze al Premier non-eletto candidato OSCAR al prossimo concorso referendario RIFOMARTORE!

    4. Giulio Cavalli, la cazzata sai qual’e’? paragonare la casa abusiva del padre del Sindaco di Bagheria, con il caso Boschi. Punti di visti.
      Detto questo io mi preoccuperei di più per la mancata denuncia da parte della “principessa” che dice di aver visto Provenzano mentre si raccoglieva gli asparagi nel suo terreno, che per la casa abusi. Anche in questo, punti di vista. La cosa che più di tutte mi fa sorridere è questo fantomatico senso di legalità e di giustizia che dopo il servizio delle Iene, si è scatenato in molti cittadini, specialmente Siciliani. Mi chiedo e ti chiedo: ma quando la mafia a Bagheria la faceva da padrone, tutti questi sceriffi dove erano? quando la mafia costruiva a Bagheria e non solo l’80% delle case in modo abusivo, tutti gli sceriffi dove erano? una cosa è certa, da quando a Bagheria ci sono i 5 stelle, non si vede più un sacco di immondizia in giro, la tassa sui rifiuti è stata ridotta del 30% e i mafiosi faticano nel fare affari. Punti di vista..!

    5. Ah,ah,ah, =D ” io mi preoccuperei di più per la mancata denuncia da parte della “principessa” che dice di aver visto Provenzano mentre si raccoglieva gli asparagi nel suo terreno” Diciamo pure che con l’effetto che fanno gli asparagi zu binnu si è pure permesso di fare i suoi bisogni all’aria aperta e senza usare la foss biologica…

    6. No Giulio, non dici questo. Non nascondere la mano perché non è dignitoso e non è da te. Hai scritto ” beccato ecc ecc” . Non dire Ora Che ti stavi riferendo alla cazzata dell’attacco berlusconiano e balle varie.
      Hai usato parole decise e studiate, prendi le conseguenze delle porcherie che a volte, come tutti gli umani, fai.
      L’hai fatto, punto e basta.

  5. Ma si diciamolo a voce alta: Patrizio Cinque sindaco grillino di Bagheria è esattamente uguale al ministro Boschi che usa la legge Frattini per non essere legalmente in conflitto di interesse con l’attività del padre. Ma si dichiariamo pure che le colpe dei padri non debbano ricadere sui figli e che se imprenditori, negozianti e compaesani si armano di coraggio per denuciare il racket a BAGHERIA il merito è delle IENE e non di cittadini uniti dalla garanzia di essere rappresentati da un sindaco coerente,coraggioso e intransigente appoggiato da un movimento che in 3 lunghi anni pretende ancora di essere il portatore unico del ONESTA’ in politica. Purtroppo la verità di questo servizio è molto più bassa di quello che ci immaginiamo e non mira certamente a denunciare gli abusi edilizi. La campagna diffamatoria senza esclusione di “balle” è partita e mira allo scredito spudorato del 5 STELLE con tanto di SCUSE preventivate a tempèo debito. SOno pronto a scommetere che la prossima settimana dop aver sputtanato quel che basta il sindaco grillino e scoraggiato i cittadini astensiosniti a votare M5S la redazione delle IENE porgerà in ritardo le proprie scuse al sindaco di BAGHERIA. In fondo chi se ne importa se faccio credere al opnione pubblica che MATTEO MESSINA DENARO ha passato la sua latitanza negli ABBUSI EDILIZI del sindaco di QUARTO e in quello di BAGHERIA! Tanto il messaggio che doveva essere lanciato contro il movimento 5 stelle è partito: NESSUNO PUO AVVALERSI DI UNA PATENTE DI ONESTA TANTOMENO IL MOVIMENTO 5 STELLE CON I SUOI 10.000.000 DI ELETTORI LIBERI DAL BERLUSCONISMO MA SCHIAVI DELLA PASSIVITA, LA PAURA E DELLA RASSEGNAZIONI DI ALTRETTANTI CONNAZIONALI AL SISTEMA MEDIATICO-MAFIOSO PARTITOCRATICO! PS: QUI SOTTO IL VIDEO DI PATRIZIO CINQUE DOVE SPIEGA COME SONO ANDATI I FATTI. https://www.facebook.com/patriziocinque.m5s/videos/474205099456304/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.