A proposito di Gherardo Colombo

(foto di Armando Rotolati) http://armandorotoletti.com
(foto di Armando Rotolati) http://armandorotoletti.com

Alessandro Gilioli ha centrato il punto:

«Mi pare di leggere nelle sue frasi, infatti, un certo grado di sospetto verso le pratiche di quella stessa parte politica che lo avrebbe voluto candidare. Mi riferisco a quando scrive: «Il ruolo di sindaco dovrebbe prevedere il supporto di una squadra di persone scelte con anticipo e ponderazione, competenti e fidate, con le quali condividere un percorso così importante per i cittadini». Ecco, magari sbaglio, ma ci leggo una critica alle improvvisazioni pre-elettorali della sinistra (e quante ne abbiamo viste, in questi anni, di queste improvvisazioni!). E ci vedo pure una possibile preoccupazione per quello che gli sarebbe rapidamente successo se avesse detto sì: l’assalto alla diligenza per un posto in lista o in squadra, e poi paletti, mediazioni, trattative, spartizioni. Che un po’ fanno parte della politica, certo, ma se sono troppe la inquinano, la distorcono, ne svuotano il senso.»

E sono d’accordo con lui, in pieno. Perché questa lezione sembra proprio che non si riesca ad imparare. Il suo post è qui.

7 Commenti

  1. masetti pietro

    il PD fa di tutto per scontentare i cittadini di sinistra ,ormai la sua strada e segnata ,quando si improvvisano le riforme costituzionali come quella approvata ed un nuovo porcellum ,vuol dire che la sinistra non esiste più , gli avventurieri della politica hanno preso il posto della buona politica ,fatta di valori,di etica ,di onestà, ormai tutto fa brodo pur di vincere alla faccia di chi quando aveva fame e stato in grado di regalarci una cosi bella costituzione republicana che aveva una visione di una società migliore ,e non ancora del tutto applicata, oggi invece chi ha la pancia piena rifiuta le regole e danno fastidio le conquista dei diritti dei lavoratori,perchè chi comanda questo governo sono solo i grandi della finanza, e i candidati non possono che essere servi di questi. La sinistra inoltre continua ha farsi le masturbazioni mentali, sembra quasi che si divertano ha rilanciare sfide incomprensibili deludendo di fatto chi vota ha sinistra ma e anche convito che l’unità della sinistra sia fondamentale ,forse per dirla in parole povere (per fare dispetto alla moglie si castrano) risultato quelli di sinistra disertano il voto ,evitando di cadere in mani forse più pericolose del , ha sinistra non si può improvvisare ogni volta che ci sono le elezioni serve un progetto che sappia unire e che sia reale non chi più ne a più ne metta, ma non da risposte reali.

Rispondi a Maria Grazia Fantinelli su Facebook Annulla risposta