Le lacrime contestate da quelli che ridono

bertolasoberlusconi_1

Ma davvero oggi, giovedì ventiquattro marzo dell’anno duemilasedici, stiamo discutendo del fatto che a Bertolaso paiano indice di debolezza le lacrime della Mogherini? Ma davvero l’amico di quella cricca che rideva al telefono qualche minuto dopo il terremoto a L’Aquila, davvero quella persona lì mischia in poltiglia e propaganda le lacrime di qualcuno?


Also published on Medium.

58 Risposte a “Le lacrime contestate da quelli che ridono”

  1. Ciao Giulio , in questo paese se non ti fai schifo guardandoti allo specchio ti è concesso tutto . Bertolaso non fa eccezione, se gli fosse capitato 30 anni fa quello che è successo a lui probabilmente non sarebbe uscito di casa , ma oggi avere processi a carico, avvisi di garanzia condanne fa curriculum …..pensa te come siamo messi!!!!

  2. ma chi è il tizio a destra nella foto con l’aspetto da gangster?

  3. Non so se ridere o piangere

  4. Bertolaso va a cuccia tu ed il tuo caro berlusca

  5. Il maneggione condannato e plurindagato che candida un plurindagato… quello che stupisce è che sia consentito.

  6. Bertolaso – Berlusconi due infami schifosi !

  7. la mogherini ha dimostrato di avere umanità al contrario di quelli che l’hanno criticata certo bertolaso non avrà pianto all’aquila non hanno neanche il buon gusto di stare zitti

  8. Ma questi due, solo a guardarli, fanno paura !

  9. Enzo Calafiore dice: Rispondi

    Si giusta osservazione però ……… non enfatizzerei molto le lacrime della Mogherini …. l’ultima volta che una politica si è messa a piangere, è stata una sciagura per i lavoratori italiani. Sono comunque tutti della stessa pasta.

  10. B&B = Due boss della vera mafia!!!!!! Gli occhiali neri anche al 2 B!!!!!!!! VERGOGNA

  11. Sono inguardabili. Una coppia di ridicoli guitti con la coscienza sporca. Ma la responsabilità é di chi li vota.

  12. Storace Bertolaso sono inguardabili è questo il messaggio inconscio dell’ex leader delle feste eleganti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.