Cara Guidi, la “sguattera del Guatemala” è un premio nobel

rigobertamenchu

«Le definizioni qualificano i “definitori”, non i “definiti”» ha detto di recente all’Economist la scrittrice premio Nobel Toni Morrison. La definizione «sguattera del Guatemala» ha richiamato nella mente di molti – ovviamente per contrasto – un altro premio Nobel (per la Pace, nel ’92), Rigoberta Menchu Tum. Migrante, bracciante, domestica, attivista dei diritti umani, Rigoberta ha ricevuto il riconoscimento per il suo operato volto a promuovere «la giustizia sociale e la riconciliazione etno-culturale basata sul rispetto per i diritti delle popolazioni indigene».

La parola “sguattero” (con la “s” iniziale rafforzativa di “guattero”) deriva probabilmente dal longobardo wathari, guardiano, e che questo termine ha la stessa radice della parola acqua in inglese, water. Nel senso etimologico del termine, è una sguattera Rigoberta e lo è chiunque agisca prendendosi cura della collettività e delle risorse, tutti i custodi dell’acqua e della terra. Che cos’è e come si qualifica chi utilizza in termine spegiativo questo termine lo spiega bene la stessa attivista guatemalteca nel suo “Mi chiamo Rigoberta Menchu”, quando racconta chi è «l’eletto» nella sua comunità.

«Forse la maggior parte delle cose che facciamo è basata su quel che facevano i nostri antenati. Per questo abbiamo l’eletto, che è la persona che riunisce in sé tutti i requisiti, ancor validi, che i nostri antenati sapevano riunire. È la persona più importante della comunità, i figli di tutti sono suoi figli, insomma è quello che deve mettere in pratica tutto quanto. E più di tutto, è il rappresentante dell’impegno nei confronti dell’intera comunità. In questo senso, quindi, tutto quel che si fa lo si fa tenendo presenti gli altri»

(l’articolo è qui)


Also published on Medium.

16 Risposte a “Cara Guidi, la “sguattera del Guatemala” è un premio nobel”

  1. Francesco Marzoni, non ci salviamo più, ormai ogni minimo avvenimento ci s-qualifica come Paese.

    1. :) Annelise grazie per essere la mia sguattera guatemalteca

  2. Questa spiegazione etimologica del “termine” non la dimenticherò

  3. quando senti anche queste piccole cose, oltre al fatto che questi mezzi uomini e donne vivono di favori dalla politica, di affari indegni, sale la rabbia. Spero che la maggioranza delle persone apra gli occhi

  4. Giulio, ti pongo la domanda al contrario. Cosa vuoi che ne sappia la Guidi di sguattere? Probabilmente non ha mai lavato una tazzina da caffè nella sua vita. Perché “sguattera/sguattero ” in Maremma significa “colei o colui che lava i piatti e che comunque provvede alle pulizie ”
    Ti pare il tipo? Ti pare verginale

    1. La guidi di sguattere probabilmente ne sa perché quasi certamente ne ha una o più che le puliscono il cesso, e chissà se in regola con l’assunzione….

  5. Una donna che stimo molto, ed ora non c’è più, anni fa mi regalò un suo libro per la festa della donna. Un pensiero speciale alle donne speciali…

  6. Come guatemalteca meglio “sguaterra” ,pero cammino a testa alta

  7. Neanche mi chiedo come ha fatto il ministro, ma mi chiedo come ha fatto l’imprenditrice con quel modo di vedere il mondo, la vita, i rapporti affettivi ecc….

  8. Giulio Cavalli… Ma cosa vuoi che ne sappia di Rigoberta la Guidi???

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.