10 Risposte a “Contratti a tempo indeterminato in calo del 74% rispetto all’anno scorso. Ma non è un calo. È un gufo.”

  1. Le favolette senza lieto fine…..

  2. Mammamia com’è triste la tifoseria politica! Peggio di quella calcistica. Del tutto gratuite, in questo caso, le critiche a Cavalli. Il compito di un giornalista è quello di far conoscere i dati (negativi o positivi non importa). Se, come in questo caso, sono negativi, io concentro la mia attenzione sulla preoccupante situazione descritta (la luna) e non sul giornalista (il dito).

  3. Sono sempre 37113 in più.. non male, non è difficile da capire..

    1. Beh, se siamo all’analfabetismo funzionale allora non vale nemmeno la pena parlarne. Buon giornata.

  4. Giusta informazione, però son certo che se quel segno fosse stato positivo non lo avresti postato.

    1. Caro Santo, nel mio editoriale di stamattina scrivo che la soluzione italiana per l’Europa inviata da Renzi è un’ottima soluzione. Il problema di quando si diventa tifosi è proprio questo: l’incapacità di cogliere solo il controcorrente e disputarlo indietro come una fastidio mentre avresti benissimo potuto commentare il post qui sotto. Ma ci vogliono sguardi larghi, me ne rendo conto. Non ci stanno in 140 caratteri. http://www.left.it/2016/04/19/leuropa-del-mondo-di-sotto-al-mare/

    2. Sì può essere dei tifosi, ma aperti, ma si può anche essere degli anti sempre e comunque. Vedi per quanto riguarda il post, al di là delle colpe europee, è chiaro che fa male vedere immagini, come quelle che ci mostravano famiglie con bambini nel fango di Idomeni o Calais, gente da accogliere perché scappa dalla guerra, ma vedere immagini di giovani, che tra l’altro non provengono da paesi in guerra, che arrivano in Europa pensando di trovare il paradiso, questo non lo giustifico, perché se questi giovani non lottano per migliorare il loro paese, chi lo deve fare? Se tutti scappano chi deve lottare. Considerando pure che in questo momento l’Europa non offre grandi opportunità, che senso ha rischiare la vita per poi mettersi agli angoli delle strade a chiedere l’elemosina. Se noi ricordiamo e giustamente onoriamo Peppino Impastato, uno che ha sacrificato la propria vita per combattere la dittatura mafiosa, perché siamo così benevoli con questi giovani che scappano?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.