Dove sono i difensori ciellini di Don Inzoli?

Don Inzoli al Convegno organizzato dalla Regione Lombardia per tutelare i valori «della famiglia tradizionale».
Don Inzoli al Convegno organizzato dalla Regione Lombardia per tutelare i valori «della famiglia tradizionale».

Qualcuno li avvisi che quello che era (secondo loro) un perseguitato ha risarcito 5 vittime per violenza sessuale e pedofilia:

«Venticinquemila euro alle famiglie dei cinque minori di cui avrebbe abusato. È il risarcimento consegnato da don Mauro Inzoli, 66 anni, esponente di spicco di Comunione e Liberazione sospeso a divinis da Papa Benedetto XVI nel 2012 con l’accusa di pedofilia.

Il religioso ha consegnato a titolo di risarcimento 25mila euro a testa alle famiglie dei cinque ragazzi parti offese nel procedimento che lo vede accusato di violenza sessuale. Un risarcimento che di fatto evita la costituzione di parte civile da parte delle famiglie nel processo, che verrà celebrato con rito abbreviato. La prossima udienza prevista per il 29 di giugno.»

(fonte)


Also published on Medium.

16 Commenti

  1. una brutta storia davvero, soprattutto nell’aver visto come in quella occasione della foto al Pirellone, da Cattaneo a Formigoni, tutti i ciellini abbiano preso le distanze da questo prete (Formigoni ha anche precisato che non era mai stato il suo confessore). Questo prete innocuo per loro, dopo essere stato punto di riferimento per il Banco Alimentare e una comunità di accoglienza per minori, non è stato invece riconfermato amico, come ha fatto invece più volte in Tv l’ex ministro Lupi con Franco Cavallo, arrestato per tangenti nell’inchiesta di Firenze su Cara di Mineo. In ogni caso il prete è tenuto al segreto confessionale, mentre Franco Cavallo no…

  2. Squallida vicenda di cui nessuno ne parla. I famigliari disposti ad archiviare l’obbrobrioso fatto attraverso una ricompensa di soldi. L’interesse economico che vede le vittime non più come soggetti lesi bensì come intermediari per contrattazioni di carattere monetario. Questa non è giustizia, ma nauseante epilogo!

Rispondi