Colleghi giornalisti, tirate fuori gli sms di Renzi

All’inizio era un mito: Renzi, si diceva, in prima persona o giocando di sponda con il fidato Filippo Sensi, invia indicibili messaggi per esibire le proprie rimostranze ai giornalisti autori di pezzi non graditi. Sembrava semplicemente uno strascico di quel berlusconismo che ha insegnato la censura (e peggio ancora l’autocensura) all’informazione e invece oggi le voci cominciano ad essere consistenti. Il Consigliere Rai Carlo Freccero, intervistato, dichiara «ho visto gli sms di Renzi, c’è da vergognarsi» e Sallusti addirittura disse (qui) che Renzi lo minacciò di spaccargli le gambe per un articolo non gradito sulla Boschi. Nessuno dei due è stato querelato, ovviamente. E sono molti quelli che danno di gomito raccontando altri aneddoti di questa natura precisando però di non potersi permettere di denunciarlo pubblicamente.

Ecco, io un’idea ce l’avrei: tirate fuori gli sms. È una notizia. Credetemi.


Also published on Medium.

25 Commenti

  1. Gli SMS esistono, dicono che Renzi ne mandi spesso. Però, nemmeno Travaglio che è antirenziano al 100% ci vede una qualche minaccia. Non vengono pubblicati perché finché non li pubblichi puoi far credere agli allocchi che ci sia scritto chissà cosa. Se li pubblichi questa storiella non puoi più darla a bere a nessuno. http://www.giornalettismo.com/archives/1969763/travaglio-renzi-mi-manda-sms-pepati-quando-non-gradisce-i-nostri-pezzi/

  2. Scusate ma se e´cosi fesso da mandare degli sms perche´non le rendono pubbliche?il direttore della Bild quando ricevette una telefonata di pressioni dall´allora presidente della repubblica tedesca la resa pubblica. Cosi sono soli insinuazone e come tale non meritano considerazione

  3. Troppo coraggio …… Disabituati ad utilizzarlo. Sai anche le tigri quando sono abituate fin da piccole a mangiare carne servita in gabbia, non sarà è poi capace di cacciare è alimentarsi da sola . Quando non usi più l’istinto che nutre il coraggio e ti disabitui a procurarti il lauto pasto , della libertà non sai che fartene, sai che hai buone possibilità di morire…..

    1. No il berlusconismo forse l’avete dimenticato voi visto che molte riforme che a Berlusconi venivano criticate e bloccate ora sono le stesse che a Renzi vengono riconosciute come “qualcosa sta facendo”.
      Anche mussolini qualcosa lo faceva, che cazzo di discorsi sono le cose vanno fatte bene altrimenti è meglio non far nulla…

    2. Quella di non far nulla se non si tratta del meglio, è una cagata bestiale. È la sostenibilità che permette di fare il meglio possibile che non è ovviamente il meglio assoluto.
      Le cose definite come “fatte bene” corrispondono esclusivamente ad un criterio di soggettività (dipendono dal fine e pertanto da chi ne trae vantaggio) e rappresentano l’affermazione di un privilegio di chi le apprezza nei confronti di chi le trova sgradite.

  4. Goal è quando arbitro fischia…quindi se ci sono cacciate fuori questi sms…poi qualcuno caccera’ gli sms degli altri and so on…affronteremo anche la politica dei messaggini con corollario di telefono trasparente …ma a fronte di ottime intenzioni di partenza c’e’ della morbosita’ in tutto cio’.

  5. Beh, se lo dice Sallusti… insomma come credere a un Göring paladino della democrazia.
    Che Renzi voglia imbavagliare la stampa è un dato di fatto. Ma è altrettanto dato di fatto che Sallusti non abbia la benché minima idea di cosa siano democrazia e giornalismo (e che però abbia idee chiare di come affossare entrambe le cose).

Rispondi