Apriamo noi i nostri teatri agli artisti turchi

La bella idea del Teatro Piccolo di Milano raccontata da Anna Bandettini:

“Apriamo le porte agli attori e ai registi turchi”, dicono rivolti ai teatri europei, “ospitiamo tutti i loro spettacoli”. Inoltre chiedono al Parlamento europeo una pubblica dichiarazione in difesa della libertà della cultura, come unica radice e prospettiva per l’Europa. E proprio a questi valori il Piccolo Teatro dedicherà gli appuntamenti del settantesimo compleanno, il prossimo maggio. “Alla censura di Erdogan bisogna rispondere con gesti concreti”, dichiarano Sergio Escobar e Stefano Massini, rispettivamente direttore e responsabile artistico del primo teatro pubblico italiano da dove è già partita la lettera per i teatri tedeschi, inglesi, francesi, ungheresi… raccolti nell’Ute, Unione Teatri d’Europa, e la richiesta all’Unione Europea di una condanna chiara e netta contro la decisione del governo turco di mettere al bando autori e artisti occidentali, da Shakespeare a Brecht, da Goldoni a Dario Fo fino allo stesso Massini, perchè “rischiosi” e “contrari ai valori del sentire comune”.
Sono queste le inquietanti parole recapitate proprio allo scrittore e drammaturgo fiorentino. “Da mesi ero in contatto con un traduttore e agente per la messa in scena di mie opere in Turchia – racconta Massini- Erano stati individuati quattro miei testi e proposti al Teatro Nazionale turco e ad altri teatri pubblici, Lehman Trilogy sulla crisi economica del 2009, Credo in un sol odio che parla delle tensioni israelo-palestinesi , 7 minuti su questioni del lavoro e Donna non rieducabile sull’assassinio della Politovskaja. Pochi giorni fa invece ricevo una mail in inglese del mio agente, di cui preferisco non dire il nome per non metterlo nei guai, il quale mi scrive che alla luce di una nuova presa di posizione sugli autori stranieri, i teatri finanziati dallo Stato da ora in poi devono occuparsi solo ‘di autori e testi legati all’identità turca, alla lingua e ai valori locali, che preservino l’eredità e le tradizioni del popolo turco’. E, testuali parole, per questo si declina ogni interesse per le mie opere ritenute “pericolose per l’ordine pubblico’, e ‘contrarie ai valori del sentire comune’ ”. Non solo: nella mail l’agente fotografa una situazione drammatica: “potenzialmente i teatri privati potrebbero rappresentare autori occidentali, scrive, ma in realtà hanno anche loro le mani legate” .
“Parole che fanno venire la pelle d’oca, evocano i periodi più bui del secolo scorso”, dice Escobar. E Massini: “Sono stato rappresentato in Algeria , in Marocco, ma è la prima volta che mi succede una simile cosa. Da autore mi vien da dire che ci eravamo illusi di aver lasciato alle spalle un mondo di steccati, muri, cortine di ferro. Torniamo all’autarchia dei regimi totalitari”.

(l’articolo è qui)


Also published on Medium.

2 Commenti

  1. Dal Cile alla Turchia. in questi decenni abbiamo importato in UE le “buone pratiche” della tirannide capitalista della Cia, ossia delle multinazionali. Tutto questo sforzo per arrivare a far insediare nei Paesi del nostro dolce Mediterraneo l’Inferno. Grazie alla globalizzazione e la mano armata delle banche, con Barroso e poi Juncker in prima linea, che altro non è che lo strumento di colonizzazione della “cultura” consumistica del capitalismo anglosassone e americano sulla nostra cultura umanista greco-romana del diritto e diritti, e della dignita umana. Colonialismo violento e barbaro. La nostra fine? Basta vedere gli Usa oggi e i candidati alla Casa Bianca. Great job EU! Well done!

Rispondi