Quello che mi commuove

È l’impegno, la fatica e il cuore tenuto aperto di chi crede senza mediazioni a qualcosa schiacciati dall’opportunismo e la superficialità di quelli che stanno sopra. Mi commuove, ad esempio, non riuscire a raccontare la disperazione del lavoro. La precarietà che è diventata schiavismo (leggete Schiavi di un dio minore, un libro che è un fiore) ad esempio chiede una sensibilità capace di scendere talmente in basso da farmi sentire un inetto, incapace di abbassarmi. Mi commuovono gli anziani che si tengono per mano, i bambini quando piangono di tristezza e i genitori che non riescono ad essere all’altezza per le disuguaglianze del mondo.

Forse invecchio. Ma mi commuovo.


Also published on Medium.

Un commento

  1. E gli animali nei macelli , quelli sfruttati negli allevamenti intensivi e i pulcini maschi tritati vivi solo perché non faranno uova e i canili lagher? Che commozione! Tanto mi commuovono questi eventi che sono diventata prima vegetariana e poi vegana! Per me non muore nessun animale! Che Dio ci perdoni!

Rispondi