Una Bottega dei Mestieri Letterari, fateci un giro. E il boss, ovviamente.

In principio era una piccola libreria, con dentro alcuni dei miei libri in versione cartacea. Aperta un po’ così, con lo spirito della bancarella da curare nelle giornate libere o in serata prima di andare a dormire. Poi sulla mia pagina Facebook mi sono messo a consigliare i libri bellissimi che ho la fortuna di leggere (#unlibroalgiorno era l’hashtag). Poi ci siamo detti che forse una libreria conveniva aprirla per davvero per i fedelissimi del blog e ora c’è, è pronta. Ci siamo. Eccola qui.

Un piccola libreria che aspira ad avere un cuore grande. Una libreria che aspira ad avere un cuore grande dove, insieme ai miei, ci mettiamo anche i libri che secondo noi vale la pena leggere. Uno al giorno, se ci riusciamo.Una libreria a chilometro zero (anche se alcune spedizioni e alcuni pagamenti saranno gestiti attraverso il nostro negozio esterno, ma non spaventatevi, garantiamo noi) che vuole essere un punto di incontro, di scambio, di scorno anche, se necessario.

Da dove partire? Io ho appena finito di leggere Born to run, l’autobiografia di Bruce Springsteen e penso che sia un libro da tenersi in libreria. Perché racconta di come i desideri siano la materia prima da cui partire per costruire le grandi imprese e perché in fondo è un elogio rock della passione. Per farsi idea basta leggere la prefazione:

Prefazione
“La città da cui vengo è piena di piccoli impostori, e io non faccio eccezione. A vent’anni non ero un ribelle che sgommava con le auto da corsa, ma un chitarrista per le strade di Asbury Park, già membro a pieno titolo di quella categoria di personaggi che ‘mentono’ al servizio della verità… gli artisti con la ‘a’ minuscola. Avevo però quattro assi nella manica: la gioventù, quasi dieci anni di dura gavetta sui palchi dei bar, un valido gruppo di musicisti locali ben sintonizzati con il mio stile e una storia da raccontare.

Una storia che continua in questo libro, scritto anche per ricostruirne le origini. Come punti di riferimento ho scelto gli episodi che credo abbiano più influito sulla mia vita e sulla mia carriera. ‘Ma come fai?’ è una delle domande che i fan mi rivolgono più spesso. In queste pagine proverò a spiegare non solo il ‘come’, ma soprattutto il ‘perché’.

Kit di sopravvivenza per cantanti rock
DNA, talento naturale, serietà e dedizione, una sensibilità estetica quasi maniacale, un bruciante desiderio di… successo? Amore? Ammirazione? Attenzione? Donne? Sesso? Poi… oh, ma certo… qualche dollaro in tasca. E per finire… se vuoi sopravvivere fino al termine della serata, un fuoco che ti divampa dentro… senza… spegnersi… mai.

Ecco alcuni strumenti che ti torneranno utili se dovessi trovarti di fronte a ottanta(mila) fan devoti che urlano in attesa di assistere alla tua magia, di vederti estrarre dal cilindro, dal nulla o da chissà dove qualcosa che, prima di oggi, non era che semplice rumore travestito da musica. E dunque eccomi qui, a dare corpo a un ‘noi’ sempre così sfuggente e mai credibile fino in fondo. È questa la mia magia e, come tutte le migliori magie, inizia con un trucco. Abracadabra…”.

Ci sono tormenti, dietro i successi, che vale la pena leggere. Davvero. Lo trovate qui. E benvenuti in libreria.


Also published on Medium.

Rispondi