#Left cosa ci abbiamo messo dentro: Nino Di Matteo che vota no

Numero 46 di Left in edicola (o disponibile nello sfogliatore online qui). Dentro ci trovate la mia lunga intervista con Nino Di Matteo tutta sulla riforma costituzionale e sull’aria greve di questa campagna referendaria. Come al solito il magistrato non lesina giudizi e non si nasconde dietro questa “cortesia istituzionale” che ammanta più di qualcuno. Ci dice che la riforma Renzi-Boschi è invotabile perché pensata  male e scritta ancora peggio, ci spiega i rischi che comporterebbe anche per gli equilibri della Giustizia e, soprattutto, ci indica gli articoli della nostra Costituzione che andrebbero applicati piuttosto che riformati.

Il sommario del numero (con l’apertura tutta sui risultati delle elezioni americane) lo trovate qui. Come al solito siamo tutte orecchie per giudizi, suggerimenti e proposte. Buona lettura.

img_0240


Also published on Medium.

3 Commenti

  1. Il tempo di andare a fare la spesa e comprare Left. Non mi perdo l’intervista alla persona più sola in questo momento, abbandonata dalle istituzioni perché si preferisce nascondere le verità, quelle stesse per le quali i grandi eroi come Falcone e Borsellino hanno combattuto e sono morti. A Di Matteo deve arrivare il messaggio che la società civile e’ con lui e con tutti coloro che hanno ancora il coraggio di combattere. #grazieNino

Rispondi