E quindi, la Puppato? Intanto l’ANPI la smentisce, pensa un po’.

Toh, guarda un po’:

COMUNICATO STAMPA DELL’ANPI DI MONTEBELLUNA INVIATO OGGI AI QUOTIDIANI

In merito al dibattito sorto intorno alla presunta espulsione della senatrice Laura Puppato dall’ANPI di Montebelluna (TV),e alle molte inesattezze che supportano l’attacco all’ANPI,
in qualità di Presidente della sezione, preciso quanto segue:
al direttivo di Montebelluna non è mai giunta richiesta di rinnovo della tessera ANPI da parte della senatrice Laura Puppato e come ovvia conseguenza nessun nostro direttivo o assemblea di sezione ha mai preso provvedimenti di espulsione.

Catia Costanzo Boschieri Presidente della sezione ANPI “Antonio Boschieri-D’Artagnan” di Montebelluna
Montebelluna 11-11-2016


Also published on Medium.

77 Commenti

  1. Francesco Cecchini

    Le mie critiche alla senatrice Puppato riguardano principalmente i seguenti punti:
    · La strumentalizzazione partitica dell’evento del Cansiglio il 9 settembre 2012. Puppato si presentò come oratrice unica e capogruppo del PD in Consiglio regionale Veneto. Fatto grave che ruppe l’unità delle forze antifasciste.
    · La sua performance come sindaco di Montebelluna. Tra l’altro fu denunciata al TAR dal WWF locale. In merito ho redatto un’ analisi di quello che ha fatto come amministratrice della città.
    · Quando nel luglio del 2011 il Consiglio Regionale Veneto si è pronunciato a favore della riconversione a carbone della centrale elettrica di Porto Tolle, Puppato capogruppo del PD non si è opposta come hanno fatto altri, per esempio Bertolissi eletto nella stessa lista, ma si è astenuta, facendo passare questo come una critica / atto di accusa alla politica veneta.
    · La legge 27/12 che permette al Movimento per la vita, od altri, di entrare negli ospedali senza l’ autorizzazione della autorità sanitaria, come prevede la 194, ottenne il voto favorevole da Puppato allora capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale Veneto ( La commissione Sanità del Consiglio regionale poco tempo fa ha respinto il testo che autorizzava l’ ingresso negli ospedali ad associazioni che si occupano di etica e salute. Il Movimento per la vita, innanzitutto. Così torna in giunta il regolamento della legge 27 approvata 2 anni fa. Una grande vittoria delle donne, una sconfitta per Puppato ).
    · L’ aver votato in Senato l’abolizione dell’art. 138 della Costituzione, dopo aver partecipato alcuni giorni prima, il 12 ottobre 2013 a Roma ad una manifestazione a sostegno carta costituzionale.
    · Il cambiare troppo spesso posizione. Puppattiana durante le primarie del PD del 2012 per ottenere la segreteria del partito e la presidenza del consiglio. Poi, via via, bersaniana, amica dei grillini,civatiana ed ora renziana.
    · L’ aver abbandonato per ben due volte il territorio dove era stata eletta, prima di terminare il suo mandato.
    Francesco Cecchini

Rispondi