Abbi cura di tutto.

Dice la Le Pen in Francia che curare i clandestini è uno “spreco”. La ricreazione è finita, ha detto. Proprio così. Poi si è levato il coro di chi ha provato a ristabilire gli elementi minimi di umanità. Ma poco. Sempre meno. È sempre più faticoso. Avere cura ormai è considerato un servizio che dipende dai capitoli di bilancio, mica dall’obbligo di essere uomini tra gli uomini. E quando capita così poi è normale che la situazione per loro sarà sempre abbastanza grave e l’individualismo troverà sempre una buona giustificazione.

Succede lì ma succede qui (sono profetico, vedrete i commenti qui sotto a questo post) e succederà ancora di più appena si accenderanno i riflettori della campagna elettorale. E sarà faticoso opporsi al “federalismo della responsabilità” che in nome della paura e dell’emergenza ha portato molti a volersi occupare al massimo della propria famiglia in senso stretto, del proprio quartiere, del proprio pianerottolo e fanculo tutti gli altri. Ci sarà da resistere, anche qui, da noi. Ci sarà da avere cura di tutto con tutti i talenti e le intelligenze che abbiamo a disposizione.


Also published on Medium.

9 pensieri su “Abbi cura di tutto.

  1. Prendersi cura significa prendersi in carico una persona che in quel momento non può pensare a se . La cura è uno dei modi più belli di mostrare la nostra umanità . Curare le ferite del corpo e dell’anima . Concetto troppo vissuto al femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.