«I diritti si possono perdere. Non sono per sempre.»

“I diritti si possono perdere. Non sono per sempre. Guardate l’America in questo momento, sta discutendo sui diritti della pace, la difesa dell’ambiente, l’aborto. Dopo aver faticato tanto per cambiare le cose arriva uno, votato – ma non e’ detto che il mondo porti avanti il migliore – e i diritti possono essere revocati. Bisogna difenderli. Il mondo cambia ma in tanti modi. Va avanti, poi torna indietro”.

Dacia Maraini, qui.


Also published on Medium.

36 Risposte a “«I diritti si possono perdere. Non sono per sempre.»”

  1. Da una società fascista oppressiva con troppi doveri siamo passati a una società con troppi diritti troppo permissiva. Così non c’è più certezza della pena; la famiglia si è sfasciata; le droghe sono un problema sociale; ci siamo assuefatti agli scandali di ogni tipo che non fanno più notizia. Non meravigliamoci perciò se in America è arrivato un Savanarola che cerca di riportare la barra al centro.
    Donato.

  2. la sciura qui era per il sì, manco la costituzione s’è degnata di difendere, mi spiace ma da lei non ho niente da imparare

  3. Maraini,ma è vero che al referendum hai votato si?non ci posso credere!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.