«Se non urli non è uno stupro»: la sentenza che umilia le donne

A Torino un uomo è stato assolto dall’accusa di violenza sessuale perché, secondo la Corte, la vittima avrebbe “solo” detto “no, basta” senza mettersi a urlare. E ora sotto processo ci finirà lei, per calunnia.
Continua a leggere


Also published on Medium.

Una risposta a “«Se non urli non è uno stupro»: la sentenza che umilia le donne”

  1. Maria Ausilia Chiaramonte dice: Rispondi

    mettiamo caso che uno stupratore mette il nastro adesivo largo per tenere la bocca chiusa ad un’urlatrice prima di umiliarla per tutta la vita….

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.