La vergogna puzza di petrolio in Basilicata: 57 rinvii a giudizio

Una di quelle storie che proprio non si riesce a rendere “pop”. Ne scrive l’Ansa:

Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Potenza ha rinviato a giudizio 47 persone e dieci società, fra le quali l’Eni, nell’ambito dell’inchiesta del 2016 sulle estrazioni di petrolio in Basilicata. Fra gli imputati del processo, che comincerà il prossimo 6 novembre, vi sono due ex responsabili del distretto meridionale dell’Eni, Ruggero Gheller ed Enrico Trovato, e altri dipendenti della compagnia petrolifera.

Fra le persone rinviate a giudizio vi sono anche due ex direttori generali dell’Agenzia per l’ambiente della Basilicata, Aldo Schiassi e Raffaele Vita, alcuni ex dirigenti della Regione e l’ex sindaco di Corleto Perticara (Potenza), Rosaria Vicino (Pd). Otto imputati sono stati invece prosciolti: fra loro, l’attuale consigliere regionale della Basilicata Vincenzo Robortella (Pd), e il padre, Pasquale, a sua volta ex consigliere regionale dello stesso partito. Lo stesso gup, durante un processo con il rito abbreviato, ha assolto – con la motivazione che il fatto non sussiste – due imprenditori campani, Pasquale Criscuolo e Francesca Vitolo, e uno lucano, Rocco Caruso. Il 31 marzo 2016 l’inchiesta (con circa 60 indagati) portò agli arresti domiciliari sei persone e al blocco delle attività del centro oli di Viggiano (Potenza) dell’Eni. I filoni dell’inchiesta erano tre: il primo sullo smaltimento dei rifiuti prodotti nel centro oli; il secondo i lavori per la realizzazione del centro oli di Corleto Perticara (Potenza) della Total; il terzo il progetto di stoccaggio del greggio estratto in Basilicata in Sicilia, nel porto di Augusta (Siracusa). Quest’ultimo filone nei mesi scorsi è stato trasferito a Roma: per gli indagati in tale ambito è stata poi disposta l’archiviazione.


Also published on Medium.

8 Risposte a “La vergogna puzza di petrolio in Basilicata: 57 rinvii a giudizio”

  1. Ma perché tanta insensata follia suicida

  2. E così davano a Matera la capitale europea della cultura nel 2019?

  3. Qualcuno lo dica a Renzi. Io sto con Emiliano.

  4. le multinazionali in italia possono fare tutto quello che vogliono del nostro terittorio grazie ai nostri politici e agli italiani che dietro al consiglio del bugiardono del pd hanno votato a favore delle trivelle che cosi che potranno deturpare liberamente anche le coste tanto non pagheranno mai i disastri ecologici causati al nostro teritori xchè hanno gia pagato bustarelle alla politica criminale

    1. Non si è votato a favore delle trivelle. Chi ha votato ha votato contro ma eravamo pochi

  5. Uno dei pochi che ne parla oggi, grazie.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.