Gabriele è libero. Ma non si chiuda lo stomaco.

Il ministro (sigh) Angelino Alfano ha dichiarato che Gabriele Del Grande è stato liberato e sta tornando in Italia. Una bella notizia, un bel lunedì mattina.

Ma per fare in modo che la liberazione di Gabriele valga davvero bisognerebbe sforzarsi a non farsi chiudere lo stomaco dal ritorno del nostro connazionale: rimangono, lì in Turchia, qualche centinaio di Gabriele Del grande che hanno la sfortuna di non essere mai riusciti a innescare nessuna sollevazione popolare e nessuna pressione diplomatica e per cui il futuro prossimo è ancora un’ombra difficile da dipanare.

La vera liberazione di Gabriele Del Grande sta nel liberarsi dai metodi antidemocratici che ne hanno fatto un prigioniero al di fuori della legge: la vera liberazione di Gabriele si svolge nell’avere imparato che in Turchia, tra l’indifferenza generale, c’è qualcosa che non funziona in tema di vigilanza dei diritti.

Gabriele è libero, facciamogli un regalo: non facciamoci passare la fame di libertà nel sultanato turco.


Also published on Medium.

24 Risposte a “Gabriele è libero. Ma non si chiuda lo stomaco.”

  1. Finalmente é arrivata la bella notizia, Gabriele libero…❤

  2. Finalmente é arrivata la bella notizia, Gabriele libero…❤

  3. Bene, felice per la sua libertà…ma …alla domanda giornalistica :”cosa ha visto al confine con la Siria?” la risposta: “lo leggerete nel mio libro ” mi lascia molta amarezza

  4. Maria Ausilia Chiaramonte dice: Rispondi

    Sono d’accordo. Che Gabriele sia libero è una bellissima notizia, ma è anche vero che come lui ne sono rimasti molti in Turchia privati della loro libertà di pensiero e di espressione, oltre che ingiustamente reclusi. Ma come si fa a cambiare questa situazione antidemocratica voluta da Erdogan? Amnesty International di cui anch’io ho fatto parte nel nord-Italia, puó fare qualcosa insieme ad una possibile rete internazionale di giornalisti per i diritti umani?

  5. Estradato non liberato

  6. Paghiamogli un biglietto per Damasco!

  7. CHE SPLENDIDA NOTIZIA LA LIBERAZIONE DI GABRIELE!!! ABBIAMO TEMUTO FORTEMENTE per LA SUA INCOLUMITÀ!!!

  8. Per come ho visto la Turchia anni fa e anche per ciò che riguarda la libertà delle donne rimpiango e tanto il governo di Ataturk e dei generali

  9. Dipendente di Soros… poteva stare dov’era.

    1. Next che smentisce è attendibile quanto Sinistra.ch finiremmo in un loop infinito. :)

    2. E Butac non ci si mette…?

    3. Troll Pagati dal PD?

    4. “E il PD? ” è il nuovo “e i maro?” . C’entra sempre e comunque.

  10. Cosa stava facendo in Turchia? Nessuno lo chiede e lui, nell intervista, non lo dice… O meglio, pare sia stato trovato in una. Zona vietata. Perché non ha rispettato il divieto? Perché cercava materiale per il suo libro. Ma per piacere ….

  11. Diciamo che Erdogan si è accorto di aver commesso un errore. Di solito non mi pronuncio sugli annunci, quindi aspetto ad esultare quando lo saprò a casa veramente.

  12. Anna Padalino dice: Rispondi

    Liberi tutti i prigionieri del tiranno turco. Con queste caratteristiche non si sogni di entrare in Europa.Mi chiedo come si possa affidare alla Turchia la gestione dei campi profughi.All’Europa interessa solo tenere lontano -dagli occhi-il problema migranti.I campi profughi turchi sono campi di concentramento.Ben tornato,Gabriele.

  13. tutti sappiamo chi è erdogan siamo noi che facciamo accordi con lui vedi immigrazione è una vergogna

  14. ecco che è liberato, così almeno si può scrivere chiaro e tondo chi é, questo personaggio…http://contropiano.org/news/internazionale-news/2017/04/22/gabriele-del-grande-libero-subito-santo-no-091093

  15. GABRIELE SAPRÀ DARE VOCE AGLI INVISIBILI PRIGIONIERI DI ERDOGAN

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.